€ 9.60€ 12.00
    Risparmi: € 2.40 (20%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Disponibilità immediata

Disponibile in altre edizioni:

Il valzer degli addii
€ 19.20 € 24.00
Disponibile in 5/6 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
Il valzer degli addii

Il valzer degli addii

di Milan Kundera


  • Editore: Adelphi
  • Collana: Gli Adelphi
  • Edizione: 12
  • A cura di: A. Mura
  • Traduttore: Vitale S.
  • Data di Pubblicazione: giugno 1997
  • EAN: 9788845913068
  • ISBN: 8845913066
  • Pagine: 246

PromozionePromozione Adelphi
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Trama del libro

"C.S.: Lei non ha parlato quasi per nulla del "Valzer degli addii". "M.K.: Eppure è il romanzo che in un certo senso mi è più caro. Come "Amori ridicoli", l'ho scritto con più divertimento, con più piacere degli altri. In un altro stato d'animo. Anche molto più in fretta. "C.S.: Ha solo cinque parti. "M.K.: Si fonda su un archetipo formale del tutto diverso da quello degli altri miei romanzi. E' assolutamente omogeneo, senza digressioni, composto di una sola materia, raccontato con lo stesso tempo, è molto teatrale, stilizzato, basato sulla forma del vaudeville." (Milan Kundera, "L'arte del romanzo")

I libri più venduti di Milan Kundera

Tutti i libri di Milan Kundera

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano Il valzer degli addii acquistano anche Amori ridicoli di Milan Kundera € 9.60
Il valzer degli addii
aggiungi
Amori ridicoli
aggiungi
€ 19.20

Voto medio del prodotto:  4 (4.3 di 5 su 6 recensioni)

5Cinico e reale, 09-02-2014, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
In una tranquilla quanto ordinaria e noiosa cittadina termale vive una giovane infermiera intrappolata in una vita a cui rifiuta di appartenere. Quasi inconsapevolmente trova un'ancora di salvezza in una maternità indesiderata, alla quale si aggrappa in cerca di una sorta di riscatto sociale. Il presunto padre, però, elabora una cinica e spietata strategia per sfuggire a questo "imprevisto".
Una serie di incontri fortuiti, casualità ed equivoci scombineranno i piani di alcuni a vantaggio di altri, in un intreccio che per certi versi ricorda quasi Shakespeare.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Il valzer degli addii, 05-07-2011, ritenuta utile da 4 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
Il mio rapporto con Kundera cominciò proprio con questo libro. Ogni volta che leggo un suo libro, cosa che capita più o meno ogni cinque anni, scopro qualcosa sulla vita; qualcosa che era sempre stata lì sotto i miei occhi e di cui non mi ero mai accorta.
Succede anche per questo Valzer degli Addii; che scivola via veloce e crudele e più volte mi ha fatto pensare ai film drammatici di Woody Allen, per l'indifferenza con cui chi compie il male riesce a cancellarne le tracce dalla propria anima. Non per nulla ad un certo punto il personaggio che ho più amato, Jakub (o forse l'unico che non mi stava sulle scatole) contrappone se stesso, stupendosi della propria indifferenza, al Raskolnikov di Dostoevskijana memoria.
Kundera descrive un gruppo di personaggi diversi, con diverse concezioni della vita e dell'amore, e non si capisce (o forse io preferisco non capirlo) quale di queste coincida con la sua.
Forse quella del gaudente spirituale Bertlef, o piuttosto quella del cupo Jakub? Certamente non quella del debole narcisista Klima, che alla fine, credendo di aver vinto, in realtà perde tutto.
Insomma, si dice che un grande autore si può amare o odiare. Io Kundera un po' lo odio, ma certamente lo amo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Il valzer degli addii, 28-03-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Uno dei più bei romanzi di Kundera secondo me. Riesce ad entrare nelle menti dei suoi personaggi e a portartici in un modo talmente naturale che ti sembrano veri, ti affezioni a loro e mai vorresti finire di leggerli. La trama è poi meno divagante di altri suoi libri quindi più accessibile anche ai più ostici nei suoi confronti.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Il valzer degli addii, 16-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Lo avevo già letto in passato, ma una rilettura non può che farmi bene. Ho sempre avuto uno strano rapporto con i libri di Kundera. Scrive cose sublimi, ha punti di vista inusitati. Ogni volta che leggo un suo libro, cosa che capita più o meno ogni cinque anni, scopro qualcosa sulla vita; qualcosa che era sempre stata lì sotto i miei occhi e di cui non mi ero mai accorta.
Succede anche per questo Valzer degli Addii; che scivola via veloce e crudele e più volte mi ha fatto pensare ai film drammatici di Woody Allen, per l'indifferenza con cui chi compie il male riesce a cancellarne le tracce dalla propria anima. Non per nulla ad un certo punto il personaggio che ho più amato, Jakub (o forse l'unico che non mi stava sulle scatole) contrappone se stesso, stupendosi della propria indifferenza, al Raskolnikov di Dostoevskijana memoria.
Kundera descrive un gruppo di personaggi diversi, con diverse concezioni della vita e dell'amore, e non si capisce (o forse io preferisco non capirlo) quale di queste coincida con la sua.
Forse quella del gaudente spirituale Bertlef, o piuttosto quella del cupo Jakub? Certamente non quella del debole narcisista Klima, che alla fine, credendo di aver vinto, in realtà perde tutto.
Insomma, si dice che un grande autore si può amare o odiare. Io Kundera un po' lo odio, ma certamente lo amo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4il valzer degli addii:, 24-07-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
All'inizio l'ho trovato un pò lento, stagnante, poi il racconto mi ha coinvolto, e il finale ti lascia a bocca aperta, e tu, lettore, sei l'unico a sapere la verità.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Il valzer degli addii (6)


Prodotti correlati

Gli altri utenti hanno acquistato anche...

Ultimi prodotti visti