€ 9.02€ 9.50
    Risparmi: € 0.48 (5%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Disponibilità immediata
Ordina entro 16 ore e 7 minuti e scegli spedizione espressa per riceverlo mercoledì 12 maggio. Scopri come

Disponibile in altre edizioni:

Uno, nessuno e centomila
Uno, nessuno e centomila(2017 - brossura)
€ 9.50 € 10.00
Disponibilità immediata solo 1 pz.
Uno, nessuno e centomila
Uno, nessuno e centomila(2017 - brossura)
€ 8.55 € 9.00
Disponibilità immediata
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
Uno, nessuno e centomila

Uno, nessuno e centomila

di Luigi Pirandello

18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Trama del libro

"Uno, nessuno e centomila" (1926) fu definito da Pirandello "romanzo testamentario". Si tratta infatti del suo ultimo romanzo e segna il culmine della riflessione sulla disgregazione del soggetto iniziata con "Il fu Mattia Pascal" (1904). Attraverso la tragedia di Vitangelo Moscarda - che scopre di essere estraneo a se stesso, "costruito" dagli altri a modo loro, molteplice quante sono le situazioni in cui si trova - Pirandello costruisce una delle rappresentazioni più efficaci dell'assurdità dell'uomo moderno, e delinea la sua filosofia. Alla base della sua visione del mondo, come mostra il filosofo Remo Bodei, c'è la sfiducia che l'uomo possa accrescere la sua coscienza in modo positivo attraverso la messa in luce e il superamento delle contraddizioni.


Voto medio del prodotto:  4 (4.4 di 5 su 18 recensioni)

4Consigliato, 07-12-2020
di - leggi tutte le sue recensioni
Comprendere se stessi attraverso gli altri, noi non siamo solo ciò che noi pensiamo di noi, ma anche ciò che pensano gli altri. Una profondità identitaria che forse che può apparire scontata (ma non lo è) , se pensiamo che sono gli altri che ci danno l'identità.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Impegnativo, ma bello, 23-03-2018
di - leggi tutte le sue recensioni
Romanzo impegnativo, ma comunque bello e interessante per le riflessioni sul rapporto dell'individuo con la società in cui vive. Emerge come l'uomo, per Pirandello, abbia costantemente una maschera per se stesso e una per la società. Questo lo porta a essere "uno" e "centomila", ma allo stesso tempo gli fa perdere la propria l'individualità e lo fa diventare "nessuno".
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Destabilizzante, 11-03-2018
di - leggi tutte le sue recensioni
Il maestro Pirandello riesce ancora una volta a lasciare spiazzato il lettore. Sebbene sia talvolta quasi difficile seguire i pensieri del protagonista non si può non restare spiazzati dalle sue considerazioni innegabilmente vere.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Bello bello bello, 20-02-2017
di - leggi tutte le sue recensioni
Uno dei romanzi più belli del '900. Mostra il volto della relatività nei rapporti umani. Ogni uomo ci vede diversamente mai come noi pensiamo e ci ritroviamo ad avere nuovi volti. Volti che non ci sentiamo cuciti addosso e che ci disorientano.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Pirandello, 15-04-2015
di - leggi tutte le sue recensioni
"Uno, nessuno e centomila" è uno dei libri più famosi di Pirandello. Il protagonista, Vitangelo Moscarda, è un uomo comune e ordinario che vive di rendita grazie al lascito del padre. Un giorno, però, la moglie gli fa notare che il suo naso è leggermente storto e lui comincia ad avere una crisi di identità. Si rende conto che gli altri hanno un'immagine di lui completamente diversa da quella che lui immaginava, e vuole scoprire chi è veramente. Inizia così a cambiare il suo stile di vita, e ad esempio prima sfratta una famiglia per poi regalarle un nuovo appartamento. Finirà in un ospizio, dove finalmente si sentirà libero da ogni vincolo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Uno, nessuno e centomila (18)