€ 7.50
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Compagno di sbronze

Compagno di sbronze

di Charles Bukowski


Fuori catalogo - Non ordinabile
  • Editore: Feltrinelli
  • Collana: Universale economica
  • Edizione: 25
  • Traduttore: Corsi C. A.
  • Data di Pubblicazione: marzo 2009
  • EAN: 9788807809781
  • ISBN: 8807809788
  • Pagine: 208

Trama del libro

Poeta dell'eccesso, Bukowski porta alta la bandiera di un anticonformismo californiano che ha una lunga storia alle spalle (una storia che comprende Henry Miller, i poeti Beat e una cultura underground tanto articolata quanto pittoresca). In "Compagno di sbronze", forse più che altrove, la vena satirico-umoristica dell'autore assume talora colorature selvagge o addirittura feroci. Colpa dell'atmosfera alienante di Los Angeles ("passai accanto a duecento persone e non riuscii a vedere un solo essere umano"). Ma anche in questi racconti il vitalismo sfrenato, la scelta provocatoria dell'emarginazione e della provvisorietà, la sessualità eternamente in furore sono tanti sberleffi contro il perbenismo conformista, del quale qui si occupa opportunamente l'"Agenzia Soddisfatti e Rimborsati". In fondo al Sunset Boulevard, Charles Bukowski, il "folle", il "fallito", salda il conto con il Sogno Americano.

Tutti i libri di Charles Bukowski

Voto medio del prodotto:  3.5 (3.5 di 5 su 11 recensioni)

5.0Grandioso, 20-05-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Dissacrante, irriverente, volgare, farneticante, ossessivo. Bukowski unisce nei suoi libri una mistura di dolore, rabbia, desolazione e angoscia. Superato il primo impatto con questo autore cosiddetto maledetto, la lettura dei suoi libri non si limita a soddisfare i primi pruriti adolescenziali ma regala un turbinio di emozioni e paranoie davastanti, in un'altalena di sensazioni piacevoli e disgustose.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Compagno di sbronze, 20-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Aneddoti di una realtà americana la cui brutalità è più pesante di quello che tutt'ora ci si immagina, essi si alternano ad altri racconti di un sarcastico pessimismo incalzante come il jazz vecchio stile. Cronache insaporite dallo stile Bukowski, dalla west coast alla est coast filtrando i bassifondi e troppo alcool.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Compagno di sbronze, 03-04-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Me lo ha prestato, con la promessa che glielo avrei reso presto, da una mia cugina. Innanzitutto, il titolo dell'edizione italiana è edulcorato rispetto al Erections, Ejaculations, Exhibitions and General Tales of Ordinary Madness da cui viene scorporato questo libro inesistente di racconti. Bukowski non mi fa impazzire, detto questo: spogliarsi di ipocrite idee perbeniste fa bene a tutti, pensare che lo stile di vita predominante non sia per forza giusto e anzi castrante fa bene a tutti. Ovvio, i lsuo genere sono i racconti così, scarni, ma la sua scrittura non mi piace se non quando sotto lo scandalo, sotto la vita estrema non riesce a fare uscire qualche significato in più. Secondo me la metà di questi racconti regge.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Compagno di sbronze, 14-03-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Nei racconti che compongono questo compagno di sbronze finiamo davvero per andare a braccetto del folle Bukowski e della sua geniale quanto graffiante ironia. Ogni storia mette infatti in luce una diversa sfaccettatura dello scrittore ma anche di una società alla deriva e cerca di divertire i compagni di lettura con risultati sorprendenti.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Compagno di sbronze, 14-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Si riconferma uno dei migliori sulla piazza. Il nostro ci offre altri venti mattoncini per contribuire alla costruzione della distruzione del sogno americano: satira tanto elementare quanto efficace si alterna a digressioni sottili e per nulla scontate (quanto scrive bene, quel frocio di Genet! E poi mette Céline tra gli intoccabili); ci sono anche micro-storie nere nelle quali si procede riluttanti sull'unico binario perché non esiste spiraglio di luce per intravedere altra via d'uscita.
Inoltre la risata sguaiata cede spesso la scena a momenti introspettivi che non t'aspetti e che risultano tanto più penetranti, quanto più alta è la percentuale di alcool nel fiato del bardo maledetto che te le rutta in un orecchio.

In queste storie di guerriglia urbana contro l'ottusità della gente, di ordinaria emarginazione e lucida follia si trovano manciate di perle.

P.S. Se la mano è guantata, non vale.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Compagno di sbronze (11)