€ 11.50
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Saggio sulla lucidità

Saggio sulla lucidità

di José Saramago

4.0

Fuori catalogo - Non ordinabile
Nella capitale di un paese non meglio identificato tutta la popolazione vota scheda bianca alle elezioni. Al secondo tentativo le schede bianche aumentano. Il governo sospetta una cospirazione e mette sotto assedio la città, tutti gli organismi istituzionali vengono trasferiti, la città viene abbandonata a se stessa. In questa situazione, la gente sviluppa una solidarietà spontanea e reinventa una nuova gestione delle cosa pubblica. Si cercano i capi della cospirazione, viene individuata una donna, la stessa protagonista di "Cecità", sulle cui tracce viene inviato un agente segreto. L'uomo si rende conto che la donna non ha alcuna colpa e che serve solo da capro espiatorio, mentre tra loro si stabilisce un forte legame. Il loro destino però è già segnato.

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di José Saramago:


Voto medio del prodotto:  4.0 (4.1 di 5 su 9 recensioni)

5.0Scheda bianca, 04-05-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
"Saggio sulla lucidità" è, in un certo senso, la continua di "Cecità". Ma lo si può benissimo leggere come un libro a sè. Si incontrano alcuni protagonisti già conosciuti nel precedente romanzo, ancora una volta in un paese non meglio identificato.
Saramago dipinge una situazione paradossale: durante una tornata elettorale tutti votano scheda bianca...
Un invito del nobel portoghese a ribellarci ai governi che hanno fatto a pezzettini la democrazia.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Uno scrittore interessato ai lettori, 09-04-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Una delle peculiarità di questo autore è che non usa la punteggiatura ed è ovvio che per chi è abituato a leggere in un certo modo possa incontrare delle difficoltà. Questo, però, non toglie il fatto che Saramago sia uno scrittore di spessore. In questo testo si rivolge a esseri pensanti e li spinge a fare delle riflessioni molto profonde. Assolutamente consigliato.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Consigliato!, 25-03-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Per chi ha letto e amato Cecità leggere questo libro è un obbligo in quanto rappresenta il seguito della vicenda. Stessi protagonisti, stessa città senza nome di un Paese senza nome, racconta lo scontro tra il Potere e una popolazione che ha ritrovato il senso dell'etica ha ricominciato a "vedere" lucidamente come la società civile sia perfettamente in grado di autogovernarsi usando il buon senso e la solidarietà. Ovviamente le conseguenze saranno drammatiche. Un tema molto attuale, spunto per un dibattito davvero intelligente sull'utilità o meno di continuare la partecipazione politica della collettività.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Saggio sulla lucidità, 25-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Lo avevo già letto in passato, ma una rilettura non può che farmi bene. Ci troviamo nello stesso luogo in cui, quattro anni prima, un'epidemia misteriosa di cecità aveva afflitto temporaneamente tutti gli abitanti tranne una donna. Si potrebbe quasi definire questo romanzo "una continuazione" di Cecità per la presenza di alcuni personaggi in comune e soprattutto per il suggerimento dell'autore stesso che dopo Ensaio sobre a cegueira intitola questo libro Ensaio sobre a lucidez. In realtà il ritmo e l'atmosfera dei due romanzi sono profondamente diversi: quanto quello era pieno di pathos, di cadenze incalzanti da thriller, di terrore e orrore che lasciavano col fiato sospeso a ogni pagina, questo è freddo, distaccato, chirurgico, cronachistico.
La politica può essere una cosa lurida e i politicanti ne sono la peggior espressione, questo il grande Nobel portoghese ce lo ha ripetuto variamente e non solo nella sua narrativa (vi ricordate la sua frase Até quando, Berlusconi, abusars da nossa pacincia, contenuta nel Quaderno?). Immaginate cosa può accadere se improvvisamente dai risultati di una qualunque elezione vengano fuori un numero impressionante di schede bianche, una maggioranza "bulgara" (come si diceva una volta, quando questa espressione aveva un senso) di dissenso muto e non per questo meno indignato, in barba ai partiti di centro, di destra e di sinistra.
Il governo in tutti i suoi componenti, dal capo di stato al presidente del consiglio e via via ministro dopo ministro, appare attonito e anziché dimettersi o interrogarsi sulle motivazioni dell'avvenimento si chiude a riccio invocando un attentato alla democrazia.
Sono pagine che potrebbero suonare ridicole se non stessimo vivendo giornate di disorientamento popolare, di confusione e di sbigottimento davanti al malcostume e all'incredibile disprezzo per la giustizia, la correttezza, la morale e la democrazia stessa.
Vedere forse non è più tragico che essere ciechi, perché si assiste alla follia della politica, ai giochi di potere, agli intrallazzi e agli imbrogli, ai sotterfugi, alle insinuazioni, alla sopraffazione, all'uso scriteriato delle armi e della forza.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Saggio sulla lucidità, 15-02-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Indimenticabile, sobria, elegante, vitale: questa è un'opera che non si scorda. Questo "Saggio sulla lucidità" è un'ottima prova del Samarago che mi piace di più: inquietante, posseduto dal dubbio della presenza di un lato oscuro nella cronaca quotidiana che diventa lentamente certezza del male. Il popolo qui aggira l'ineluttabilità del male attraverso l'esercizio della scheda bianca. Il simbolo per eccellenza del voto incerto e ignavo, diventa la leva inaspettata che gli uomini possono utilizzare per sbalzare un progetto politico totalitario. L'apparente manifestazione dell'assenza di un pensiero politico proprio si traduce quindi in un astuto e potente baluardo contro l'uniformità del pensiero unico.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
1.0ma che noia saramago!, 26-08-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
uno scrittore che ha vette di poesia inimitabili, come "nell'anno della morte di Ricardo Reis" si invischia in libri a tema, cervellotici e ripetitivi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0paradossale e imperdibile, 10-08-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Una vicenda paradossale come molte raccontate dall'autore portoghese. Tutto inizia all'improvviso con un evento straordinario e paradossale: nella capitale di un paese non meglio identificato tutta la popolazione vota scheda bianca alle elezioni. Al secondo tentativo le schede bianche aumentano. Si sospetta una cospirazione e la città e' messa sotto assedio ed abbandonata a se' stessa. In questa situazione paradossale , la gente sviluppa una solidarietà spontanea e reinventa una nuova gestione delle cosa pubblica. La storia mi e sembrata molto simile a quella di Cecita'. Imperdibile
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0TRAGICO EPILOGO, 26-07-2010, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Saggio sulla lucidità rappresenta l'epilogo tragico di Cecità (da molti considerato il capolavoro del maestro portoghese, io tra questi): gli stessi protagonisti, la stessa scrittura che riesce ad avvolgerti sino a soffocarti (come se il lettore soffrisse di una forma crescente di claustrofobi)
Manca totalmente la speranza, nessuna consolazione è concessa agli uomini ed alle donne che non sono uniformati o succubi della democrazia, nella sua accezione di governo non del popolo ma della maggioranza “imperante del popolo”, potere che si rivela violento, prevaricatore, coercitivo
L’evento scatenante è si surreale (la prevalenza di schede bianche nelle votazioni politiche) ma nulla toglie alla veridicità ed alla drammaticità dell’evolversi della narrazione
Confesso che ho letto le ultime pagine con difficoltà a causa dello sguardo velato di lacrime
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Uomo e societa', 11-07-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Grande libro di Saramago sulla capacita' dell'essere umano nel gestire ed influenzare la societa'. Nella capitale di un paese non meglio identificato tutta la popolazione vota scheda bianca alle elezioni e subito.... e' cospirazione!Lo stile scorrevole e spesso ininterrotto dell'autore rendono il resoconto delle elezioni ancora piu' piacevole. Da leggere.
Ritieni utile questa recensione? SI NO