€ 8.46€ 9.00
    Risparmi: € 0.54 (6%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Memorie del sottosuolo

Memorie del sottosuolo

di Fëdor Dostoevskij

4.5

Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Mondadori
  • Collana: Oscar classici
  • Edizione: 3
  • Data di Pubblicazione: gennaio 2003
  • EAN: 9788804516026
  • ISBN: 880451602X
  • Pagine: 176
Nella prima parte, "Il sottosuolo", il protagonista racconta la sua infanzia e la formazione della personalità più nascosta (il sottosuolo per l'appunto). Nella seconda, "A proposito della neve fradicia", ripercorre alcuni episodi della sua vita dove più emerge il "sottosuolo". Segue alcuni compagni di scuola ad una cena, sfoga poi l'amarezza per le offese subite su Liza, una prostituta incontrata in una casa di tolleranza, mostrandole con durezza che cosa l'aspetta nel futuro. Dopo qualche giorno Liza ritorna da lui col desiderio di una vita pura, ma viene trattata con disprezzo e volgarità. Per umiliarla le mette in mano un biglietto da cinque rubli, che poi ritroverà sul suo tavolo quando la donna se ne sarà andata, testimonianza della grande dignità di Liza.

Note su Fëdor Dostoevskij

Fëdor Mikhajlovi? Dostoevskij è considerato uno dei più grandi scrittori di ogni tempo. Nacque l'11 novembre 1821 a Mosca. La passione per la letteratura gli fu trasmessa dalla madre, la quale gli insegnò a leggere, facendogli conoscere Puskin, Zukovskij e la Bibbia. Nel 1838, per volere del padre, iniziò a studiare ingegneria militare alla Scuola Superiore del Genio Militare di San Pietroburgo. Nel 1941 prestò servizio in qualità di sottotenente presso il comando d'ingegneria di San Pietroburgo, ma nel 1944 rinunciò alla carriera militare per dedicarsi alla sua vera passione, la letteratura. Sfidando la miseria e la salute cagionevole, scrisse il suo primo romanzo, "Povera gente", che verrà pubblicato nel 1846, tra gli elogi della critica. Nel 1949 venne arrestato e condannato a morte per sovversione, ma lo Zar Nicola I commutò la pena di morte in lavori forzati a tempo indeterminato. Dopo la deportazione in Siberia, nel 1854 venne liberato per essere assegnato ad un battaglione dell'esercito, di stanza sul confine cinese. Nel 1959 venne congedato e, trasferitosi a Tver, ricominciò a scrivere, regalando alla storia alcune delle più belle pagine della letteratura. Tra i numerosi capolavori ricordiamo "Memorie del sottosuolo" (1864), "Delitto e castigo" (1866), "L'idiota" (1869), "I demoni" (1871), "I fratelli Karamàzov" (1880). Morì a San Pietroburgo il 28 gennaio 1881.

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Memorie del sottosuolo acquistano anche Argonauti del Pacifico occidentale. Riti magici e vita quotidiana nella società primitiva di Bronislaw Malinowski € 24.44
Memorie del sottosuolo
aggiungi
Argonauti del Pacifico occidentale. Riti magici e vita quotidiana nella società primitiva
aggiungi
€ 32.90

Prodotti correlati:


Voto medio del prodotto:  4.5 (4.5 di 5 su 13 recensioni)

4.0Memorie dal sottosuolo, 23-04-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Dostoevskij mostra un uomo impegnato in un lungo e tormentato discorso a proposito di sé: è un ritratto caratterizzato dai difficili rapporti che intrattiene con sé e con gli altri. Un insieme di pensieri che si avvolgono su loro stessi. Tutto questo viene raccontato con uno stile complesso e potente.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Memorie del sottosuolo, 16-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Siamo in presenza, a mio avviso, del romanzo più personale, più privato, direi quasi più intimo della intera produzione letteraria di Fedor Dostoevskij. L'accuratezza lessicale con la quale Dostoevskij traccia il profilo psicologico dell'abitante del sottosuolo lascia davvero basiti, ci si lascia catturare e dal tono e tantopiù dal significato profondo
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Memorie, 28-02-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
"Sono un uomo malato... Sono un uomo cattivo. Un uomo sgradevole. Credo di avere mal di fegato. Del resto, non capisco un accidente del mio male e probabilmente non so di cosa soffro. Non mi curo e non mi sono mai curato, anche se rispetto la medicina e i dottori. Oltretutto sono anche estremamente superstizioso; be' , almeno abbastanza da rispettare la medicina. (Sono abbastanza colto per non essere superstizioso, ma lo sono. ) Nossignori, non voglio curarmi per cattiveria. Ecco, probabilmente voi questo non lo capirete. "
Questo è l'inizio di un grande libro. Un uomo cattivo che scrive e racconta. Imperdibile.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Memorie dal sottosuolo, 31-08-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Ho incredibilmente odiato il protagonista di questa storia, troppo attaccato all'amarezza del passato e incapace di concedersi un pò di felicità, magari perchè l'infelicità è tutto ciò con cui ha convissuto per anni e cambiare (anche se in meglio) è sempre difficile. Forse farci odiare il protagonista era proprio l'intento dell'autore: è un monito, un avvertimento "guarda cosa succede a chi dimora nel risentimento". Un libro che consiglio di leggere.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Psicologia, 26-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Sono rimasto particolarmente colpito dall'assoluta capacità di Dostoevskij di tracciare un profilo psicologico così complesso e ben definito. Non ho mai letto una cosa del genere. E' un libro che lascia veramente a bocca aperta, lo consiglio a tutti coloro che vogliono trovare in un libro qualcosa di profondo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Dialogo interiore, 23-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Nelle appassionanti riflessioni che il protagonista sviluppa fra se, emerge tutto un mondo, un mondo sotterraneo ed oscuro che ognuno di noi si porta dentro. Dostoevskij riporta alla luce questa dimensione inconscia con la maestria che solo uno scrittore del suo calibro può mettere in campo. Un classico nel suo genere.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Da non perdere!, 05-04-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Il primo romanzo di Dosto che ho letto: mi ha subito colpito per la bellezza del linguaggio, per lo stile e soprattutto per la contorta psicologia del personaggio che è riuscito a delineare con grande maestria! L'anti-eroe degno dei più grandi romanzieri del '900. Leggetelo! Bellissimo!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0L'inconscio prima di Freud, 14-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Magistrale autoanalisi di Dosoevskij, il racconto rappresenta la prima testimonianza di un'indagine dell'inconscio nella storia della letteratura.
Il sottosuolo è per lo scrittore, sede di una potente pulsione autodistruttiva testimonianza dell'irrazionalità della natura umana.
Rancori, sadomasochismo, turpitudini, viltà, bisogno di soffrire e di annullarsi creano un fango una melma dal quale è difficle liberarsi.
Eccellente l'introduzione di Igor Sibaldi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Memorie del sottosuolo, 20-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
"Sono un uomo malato... Sono un uomo cattivo. Un uomo sgradevole. Credo di avere mal di fegato. Del resto, non capisco un accidente del mio male e probabilmente non so di cosa soffro. Non mi curo e non mi sono mai curato, anche se rispetto la medicina e i dottori. Oltretutto sono anche estremamente superstizioso; be', almeno abbastanza da rispettare la medicina. (Sono abbastanza colto per non essere superstizioso, ma lo sono. ) Nossignori, non voglio curarmi per cattiveria. Ecco, probabilmente voi questo non lo capirete. Be', io invece lo capisco".
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0ecco l'uomo, 12-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
la capacità unica di Dostoevskij di analizzare l'essere umano si mostra qui in tutto il suo splendore. E' un'opera eccezionale.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0l'anti-eroe, 26-09-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Libro diviso in due parti: “Il sottosuolo” e “A proposito della neve fradicia”.
Nella prima parte il protagonista, profondo conoscitore di se stesso ci parla del sottosuolo cioè del proprio inconscio esponendoci la sua filosofia secondo la quale l’uomo va alla ricerca di una certa “ebbrezza della disperazione”.
Nella seconda parte vengono narrati una serie di aneddoti della sua vita. Il libro risulta di grandissimo spessore dove troviamo in un senso autolesionistico l’aperta denuncia del protagonista verso se stesso per la sua pusillanimità per la sua incapacità ad agire.
Dostoevkij con questo libro dove si delinea a pieno la figura dell’inetto anticipa di cinquant’anni il soggetto principale dei romanzi del 900 che ritroveremo in “Una vita”, “Ulisse”, “Il fu Mattia Pascal”, “La coscienza di Zeno” ecc.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Memorie dal sottosuolo, 23-08-2010, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
"breve ma intenso", degno di nota il discorso del protagonista sul matrimonio (anche se in seguito rinnega tutto). Ho incredibilmente odiato il protagonista, troppo attaccato all'amarezza del passato e incapace di concedersi un pò di felicità, magari perchè l'infelicità è tutto ciò con cui ha convissuto per anni e cambiare (anche se in meglio) è sempre difficile. Forse farci odiare il protagonista era proprio l'intento dell'autore: è un monito, un avvertimento "guarda cosa succede a chi dimora nel risentimento".
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Memorie del sottosuolo (13)