€ 9.40€ 10.00
    Risparmi: € 0.60 (6%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi

Disponibile in altre edizioni:

Tenera è la notte
€ 13.50 € 12.69
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Tenera è la notte
€ 9.50 € 8.55
Disponibilità immediata solo 1pz.
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Tenera è la notte

Tenera è la notte

di Francis Scott Fitzgerald


Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Mondadori
  • Collana: Oscar classici moderni
  • Traduttore: Pivano F.
  • Data di Pubblicazione: aprile 2011
  • EAN: 9788804609353
  • ISBN: 8804609354
  • Pagine: XIX-408
  • Formato: brossura
Tenera è la notte - ha scritto Fernanda Pivano - è forse l'opera più ambiziosa di Fitzgerald, quella alla quale lo scrittore lavorò più a lungo: nove anni, infatti, impiegò a scrivere il romanzo, e ancora dopo la pubblicazione lo riprese fino a lasciare ben sei versioni dell'opera, di cui tre pubblicate e tre inedite. Ricco di elementi autobiografici, "Tenera è la notte" racconta la vicenda di Dick Diver, psichiatra americano che, dopo aver lavorato in una clinica svizzera, ha lasciato la professione e vive di rendita del ricco patrimonio della moglie Nicole, sua ex paziente. I due abitano un mondo tanto dorato quanto vacuo, tra la Costa Azzurra e la Parigi degli anni Venti, circondati da un eterogeneo gruppo di amici, e sono protagonisti di una storia di disgregazione e disintegrazione umana, di "cannibalismo spirituale", nella quale Fitzgerald affronta i temi a lui più cari - la felicità, lo spreco, il denaro, il fascino - in un clima insieme fastoso e spettrale.

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Tenera è la notte acquistano anche Elisir di lunga vita. I rimedi naturali per fermare il tempo e guadagnare dieci anni di vita di Silvia Carri € 12.87
Tenera è la notte
aggiungi
Elisir di lunga vita. I rimedi naturali per fermare il tempo e guadagnare dieci anni di vita
aggiungi
€ 22.27


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 5 recensioni)

4.0Fitzgerald si scaglia contro i ricchi oziosi, 10-06-2015
di - leggi tutte le sue recensioni
Il libro narra le vicende di una giovanissima attrice, prototipo della ragazzina modello americana, che sulla spiaggia di Antibes incontra un gruppo di ricconi sfaccendati e spensierati, fra i quali Nick Dyver, uno psichiatra di cui si innamora, e la sua bellissima moglie Nicole, una miliardaria malata di nervi. Pur conducendo una vita libera e piacevole i due nascondono, sotto le apparenze, drammi paurosi. Nicole rappresenta le penose ambiguità dell'esistenza, mentre Nick consuma ogni sua energia per guarire la moglie e alla fine si scopre esausto, svuotato come se un'onda avesse spazzato via insieme agli entusiasmi del boom americano anche il suo slancio vitale.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Un atto d'accusa verso un'epoca frivola, 09-06-2015
di - leggi tutte le sue recensioni
Fitzgerald si dedica alla stesura di questo romanzo negli anni più difficili e drammatici della sua vita, e l'idea centrale del romanzo stenta a lungo a precisarci. Solo sette anni più tardi il libro prese la forma che oggi conosciamo, attingendo ancora una volta all'esperienza dell'autore: la tragica vacanza sulla Costa Azzurra, la malattia della moglie Zelda, la via crucis nelle cliniche psichiatriche, la lotta contro l'alcool e la disillusione. Il libro, quando uscì, non ebbe successo: ben pochi capirono che il romanzo non era una celebrazione del mondo raffinato e ozioso dei ricchi ma un atto d'accusa verso quell'epoca.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Tenera è la notte, 07-04-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Questo libro ha un grande valore, ma bisogna leggerlo da una certa angolatura per apprezzarne le qualità. Cosa si può dire di un mostro della letteratura che non sia già stato detto?
Un romanzo partorito da un autore così epocale si affronta sicuramente con riverenza, e poi con imbarazzo. Specialmente quando almeno 14 del libro stesso risulta ai limiti dell'incomprensibile (complice forse anche l'aulicissima traduzione della Pivano).
Poi ad un certo punto tutto prende il volo. E con semplicità quasi disarmante, con una freddezza ai limiti del clinico, ci si addentra in vicissitudini psicotiche, amori falliti, devastazioni sapientemente tenute insieme come nelle migliori società: quella dipinta è in fono e in nuce il dramma dell'epoca moderna, tutta tesa a cercare un equilibrio tra l'apparire e l'essere.

Quello che manca forse a questo romanzo, a mio avviso, è il fatto che tutta la trama coinvolge solo ed esclusivamente personaggi dell'upper class, come se la loro condizione estrema fosse l'unica metafora accettabile a dipingere la miseria spirituale del mondo occidentale tra le due Guerre.
Molto probabilmente questa scelta ha una una logica all'interno della Weltanschauung di F.S. Fitzgerald, ma essendo un autore che ho approfondito poco o nulla, mi riserbo di criticarla da un punto di vista meramente personale.
Un'opera che spiazza, che forse non entusiasma e non coinvolge, ma che lascia traccia profonda di un'epoca che ancora, per molti versi, ci appartiene.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Tenera è la notte, 01-04-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Una fortuita coincidenza haf atto sì che mi trovassi a leggere quest'opera. Romanzo controverso, redatto in più versioni e diviso in 3 libri. Il primo, il più felice dal punto di vista narrativo e della creatività, il secondo, il più confuso e redatto più volte, l'ultimo il più cupo e disperato. F. S. F, in chiave auto-biografica, narra gli agii della borghesia americana, in pieno boom economico, in una rigogliosa costa azzurra dove ad assolate giornate al mare si susseguono cene sfarzose. La parabola del Dott. Diver è una metafora dell'america degli anni '20, che passa dall'età dell'oro a quella della miseria e dell'anonimato. Il primo libro è indubbiamente il più bello ed il più affascinante sia dal punto narrativo che dal punto di vista letterario, dove la puntualità e la creatività di FSF raggiungono vette eccelse. Ma non è tutto oro quel che luccica.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Tenera è la notte, 25-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Che dire? Cosa non farei per leggere più spesso simili capolavori! Forse non avevo compreso tutta la sua potenza mentre lo stavo leggendo. Inizia bene, con sole, mare, borghesi e spalle bruciate... E all'interno la finzione del tutto. La prima parte un pò confusonaria, si capisce poco, dialoghi stringati ma anche parti troppo troppo descrittive. Il secondo libro, invece, è meraviglioso. Ci si rimane incollati per ore e ore senza riuscire a toglierci gli occhi di dosso. Diventa esilerante, fino alla fine, che però è un pò debole e raffreddata, quasi frettolosa... Dicevo, quello che è importante è quel che resta dentro. E anche se forse non me n'ero accorta nel mentre, anche dopo anni ci ripenso e mi tornano in mente immagini, parole. Allora, cosa c'è di meglio? Qual'è lo scopo di un libro, se non questo?
Ritieni utile questa recensione? SI NO