€ 10.34€ 11.00
    Risparmi: € 0.66 (6%)
Disponibilità immediata
Ordina entro 7 ore e 44 minuti e scegli spedizione espressa per riceverlo venerdì 24 marzo   Scopri come

Disponibile in altre edizioni:

L' ultima riga delle favole
€ 16.60 € 15.60
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
L' ultima riga delle favole

L' ultima riga delle favole

di Massimo Gramellini


Disponibilità immediata
  • Editore: TEA
  • Collana: I grandi della TEA
  • Data di Pubblicazione: febbraio 2012
  • EAN: 9788850227389
  • ISBN: 8850227388
  • Pagine: 258
  • Formato: brossura
Tomàs è una persona come tante. E, come tante, crede poco in se stesso, subisce la vita ed è convinto di non possedere gli strumenti per cambiarla. Ma una sera si ritrova proiettato in un luogo sconosciuto che riaccende in lui quella scintilla di curiosità che langue in ogni essere umano. Incomincia così un viaggio simbolico che, attraverso una serie di incontri e di prove avventurose, lo condurrà alla scoperta del proprio talento e alla realizzazione dell'amore: prima dentro di sé e poi con gli altri. Con questa favola moderna che offre un messaggio e un massaggio di speranza, Massimo Gramellini si propone di rispondere alle domande che ci ossessionano fin dall'infanzia. Quale sia il senso del dolore. Se esista, e chi sia davvero, l'anima gemella. E in che modo la nostra vita di ogni giorno sia trasformabile dai sogni.

Note su Massimo Gramellini

Massimo Gramellini è nato a Torino il 2 ottobre del 1960. La sua famiglia era originaria della Romagna. L’infanzia di Massimo Gramellini è segnata dalla tragica scomparsa della madre, avvenuta quando lui aveva solamente nove anni. Cresciuto, si iscrive al liceo classico San Giuseppe di Torino. Dopo aver studiato giurisprudenza, nel 1985 inizia a lavorare in qualità di giornalista presso la redazione torinese del Corriere dello Sport-Stadio. L’anno successiva si trasferisce a Milano, dove inizia a collaborare, come praticante, con il quotidiano Il Giorno, dove ha seguito le notizie sportive, scrivendo di tennis e raccontando il primo scudetto vinto dal Milan della dirigenza Berlusconi. Nel 1988 è a Roma, dove inizia a lavorare per la redazione romana del quotidiano torinese La Stampa. In questo periodo continua ad occuparsi di sport, raccontando le vicende relative a Maradona e i Mondiali di calcio di Italia ‘90. Dopo i Mondiali inizia a seguire gli articoli di politica. Racconta Mani Pulite, la nascita della Seconda Repubblica e, inviato a Sarajevo, la guerra dei Balcani. Torna a Milano nel 1998 per dirigere il settimanale Specchio, sempre del gruppo editoriale La Stampa. Nel 1999 è a Roma, dove ritorna a scrivere per il quotidiano La Stampa e nell’ottobre del 2005 si trasferisce a Torino per ricoprire l’incarico di Vicedirettore del quotidiano torinese. La sua prima opera,scritta assieme a Pino Corrias e Curzio Maltese, è del 1994 e si intitola “1994 colpo grosso”. A questo primo romanzo ne sono seguiti molti altri, tra cui anche il romanzo autobiografico “Fai bei sogni” (2012), opera in cui l’autore racconta il percorso di crescita interiore che ha compiuto per superare la scomparsa della madre.
 

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano L' ultima riga delle favole acquistano anche Avrò cura di te di Massimo Gramellini € 14.40
L' ultima riga delle favole
aggiungi
Avrò cura di te
aggiungi
€ 24.74

Prodotti correlati:


Voto medio del prodotto:  3.0 (3 di 5 su 107 recensioni)

5.0Una favola moderna, 23-02-2017
di - leggi tutte le sue recensioni
Questo libro mi ha affascinato: è un vero e proprio viaggio simbolico compiuto allo scopo di conoscere noi stessi e migliorarci attraverso Tomas, una persona che ha bisogno di essere spronata per vivere davvero e non più subire gli avvenimenti della vita. Mi è piaciuta particolarmente l'idea dell'autore di unire le tappe di questo viaggio con le immagini delle favole più belle. Questo romanzo mi ha lasciato ottimista e piena di speranza.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Surreale, 01-02-2017
di - leggi tutte le sue recensioni
Romanzo surreale, in cui il protagonista, Tomàs, si ritrova ad affrontare un viaggio simbolico nei meandri dell'anima. Ogni tappa del viaggio è segnata dall'immagine di una fiaba, in modo suggestivo e poetico. Consigliato a chi ha un'indole romantica e sognatrice.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Per tutti, 30-01-2017
di - leggi tutte le sue recensioni
L'ho letto svariate volte e mi ha sempre arricchito. Ovviamente non è adatto ai non amanti del genere con un po' di irrealtà. Gramellini scrive benissimo e rende la lettura godevolissima. Per tutti coloro che cercano e ricercano qualcosa e qualcuno.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Favola per ogni età, 28-01-2017
di - leggi tutte le sue recensioni
Dalla fine dell'infanzia fino agli estremi tempi della vita, "L'ultima riga delle favole" è uno dei pochi romanzi che ci fanno chiedere se le favole siano solo per i bambini.
Un quasi sogno reale che dispiega le pieghe di un'anima dolorante. Un'antidoto per le ferite del passato.
Là dove finiscono le favole inizia la vita vera, ma non è detto che la vita non sia favola.
Gramellini riesce a riscrivere il vissuto sotto forma di favola, rendendo la storia piacevole, interessante e adatta a qualsiasi pubblico.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
1.0Deludente, 30-06-2015
di - leggi tutte le sue recensioni
Dopo aver sentito le grandi recensioni che venivano fate a proposito di questo libro mi aspettavo grandi cose, ma sono rimasto molto delusa. La trama è poco interessante, il lessico blando e ripetitivo. Non è il primo libro che leggo di Gramellini e spero che questo non mi porti a interrompere le sue letture. Io personalmente non sono riuscita a finirlo, e mi dispiace molto. Arrivata a metà del racconto e dopo averlo lasciato per mesi sul comodino senza la forza di volontà di andare avanti, ho deciso di abbandonarlo. Forse, se in seguito vorrò dargli ancora una possibilità, riproverò a rileggerlo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Favola moderna, 04-03-2015
di - leggi tutte le sue recensioni
Un bel libro che ti tiene sospeso tra realtà e immaginazione. Tomas è una persona che crede poco in se stessa ed è convinta che la sua vita non possa cambiare mai. Però si ritrova a intraprendere un viaggio in un posto misterioso, un viaggio simbolico attraverso l'anima, che lo porterà a incontrare il suo io più profondo e lo condurrà alla convinzione che anche lui ha un talento. Questo libro fa molto riflettere su se stessi e sulla speranza, che non bisogna mai perdere, e anche su come i sogni aiutino a migliorare la nostra esistenza.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Terapeutico, 22-10-2013, ritenuta utile da 2 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Credo che la descrizione di questo libro non gli renda giustizia. È rimasto a lungo sul mio comodino prima che iniziassi a leggerlo e poi, una sera, presa da noia e pigrizia, l'ho aperto solo perchè era la cosa più vicina. Ma che scoperta! Di certo la trama non sarà avvincente e i colpi di scena non caratterizzeranno il tutto, ma in queste pagine è descritto un percorso di guarigione di vita che può riguardare tutti noi! Io l'ho trovato affascinante, con molte frasi da segnare e rileggere, di tanto in tanto, nei momenti di sconforto.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Buon succo, 15-10-2013, ritenuta utile da 3 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
Il libro concettualmente è intrigante, l'idea anche se buona andava sviluppata in modo più semplice e scorrevole. Infatti il racconto dà troppo poco spazio alla realtà dei fatti e si dilunga faticosamente su un viaggio mentale, intrecciandosi con vari strani personaggi che il protagonista incontra. Il finale è comunque piacevole e chiarificatore in qualche modo dell'avventura vissuta dal protagonista. Ciò che rimane al termine della lettura è comunque una bella sensazione, un incoraggiamento ad affrontare la vita inseguendo i propri sogni e credendo in se stessi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Mediocre, 29-01-2013, ritenuta utile da 2 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
E' un libro visionario. Dove il protagonista è in cerca della vera felicità e per trovarla fa un viaggio fantastico, con personaggi fantastici che dovrebbero risvegliare in lui la consapevolezza dei propri sogni. E' risultato essere un libro noioso. Non si comprende dove vuole portarci l'autore. Sembra quasi si voglia investire di poteri di guida dello spirito, ma alla fine al lettore rimane la sensazione di aver girato a vuoto. Non consigliato.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Ricerca introspettiva, 19-10-2012, ritenuta utile da 3 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
Non mi è sembrata una trama avvincente, ma quando ho letto il libro non riuscivo a staccarmene. Son dovuto arrivare alla fine di questa avventura, di questo viaggio alla scoperta dell'anima, di se stessi, dell'anima gemella. Neanche il finale è riuscito ad entusiasmarmi. Di bello ci sono i numerosi spunti di riflessione sulla ricerca dell'io, sull'accettazione di se stessi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Sconsigliato, 29-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Non riesco proprio a capire da dove venga tutta questa originalità e positività che riguarda il libro di Gramellini. E' un testo privo di conclusione, banale e molto scontato per cui l ho trovato non solo poco interessante ma anche noioso a tratti. Credo proprio che sia lontanissimo dall'essere considerato un capolavoro!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Gradevole, 25-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Gramellini è un giornalista che ho trovato gradevole nella sua rubrica su lo specchio de la stampa, con questo suo primo libro riesce ad entrare e ad illustrarci le varie emozioni.
Un romanzofavola dove vengono trattati temi importanti in maniera semplice ed accessibile.
Da rileggere e da consigliare
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su L' ultima riga delle favole (107)