€ 7.00
Fuori catalogo - Non ordinabile

Disponibile in altre edizioni:

Signori bambini
Signori bambini(2013 - brossura)
€ 8.00 € 7.52
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Signori bambini

Signori bambini

di Daniel Pennac


Fuori catalogo - Non ordinabile
  • Editore: Feltrinelli
  • Collana: Universale economica
  • Edizione: 6
  • Traduttore: Mélaouah Y.
  • Data di Pubblicazione: dicembre 2008
  • EAN: 9788807815744
  • ISBN: 8807815745
  • Pagine: 192

I libri più venduti di Daniel Pennac

Tutti i libri di Daniel Pennac

Voto medio del prodotto:  3.5 (3.3 di 5 su 9 recensioni)

3.0Piacevole ma non troppo, 10-07-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Scorrevole nella lettura, storia discretamente bella, ma non vi aspettate troppo o rimarrete delusi. E' un libro da prendere alla leggera, che va letto senza troppe pretese.
La scrittura è abbastanza accattivante, i personaggi ben caratterizzati, la storia carina ma talvolta poco logica. Piacevole, ma di certo non imperdibile.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0SIGNORI BAMBINI di DANIEL PENNAC, 23-08-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Una dote che non manca a Pennac è l'originalità e infatti questo libronon fa
eccezione!
Scorrevole, piacevole, divertente, ma qui l'autore dosa bene anche
sensibilità e delicatezza, con parti del testo toccanti e quasi commuoventi.
La scrittura è fluida, il ritmo incalzante, la trama coinvolgente e
appassionante.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Originale, 10-08-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro davvero originale, non banale e divertente.
Scritto in modo un pò bizzarro, incalzante e curioso.
Pennac in questo libro sa usare una insospettabile sensibilità e sa coinvolgere il lettore divertendo e commuovendo, appassionando alla lettura.
Non amo molto lo stile di Pennac perchè mi pare che a volte i suoi romanzi si somiglino troppo l'uno all'altro, ma questo libro è originale e non banale
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Signori bambini, 09-08-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Di Pennac mi ha sempre infastidito lo stile poco scorrevole, molto veloce a scapito della chiarezza, non posso dire che siamo in presenza di un cattivo scrittore, o che i suoi temi di fondo siano noiosi, squallidi o scontati; solo che mi sembra uno di quei cantanti che scrivono sempre canzoni che si somigliano tra loro, tutte con la stessa tonalità, con gli stessi accordi, con parole simili. I personaggi di Pennac sembrano fatti un po' con lo stesso stampino, ognuno me ne ricorda un altro visto in un altro libro, Belleville è sempre Belleville e ribadisco quello che scrissi in occasione del ciclo Malaussène, io detesto il modo in cui Pennac vede la maggior parte (vorrei dire la totalità, ma non posso affermarlo) dei personaggi femminili. Mi pare che ci sia veramente poca differenza tra la donna pennachiana e la tabaccaia felliniana e si può dire che io non apprezzi molto questo tipo di icona, tanto per usare un eufemismo.
L'idea dei bambini che diventano adulti e viceversa, quella del rovesciamento dei punti di vista, sì, può essere divertente e sbarazzina, il libro ha dei guizzi di ilarità, si sorride, però... A me resta in bocca quel senso di lieve teatralità e quella sottile aura di irrealtà che ho già riscontrato in Diario di scuola. Un libro, intendiamoci, dove Pennac parlava con cognizione di causa della sua pluriennale esperienza di insegnante delle scuole medie, ma con quell'entusiasmo un po' eccessivo come fosse un piazzista di aspirapolvere, quelli che vendono prodotti perfetti, dai mille accessori, i migliori sul mercato. Ecco la magagna, a me fondamentalmente i libri di Pennac sembrano favolette che finiscono lì, campionari di buonismo un po' naif, sfilate di esseri stravaganti e bizzarri che non possono essere presi sul serio perché è l'autore stesso a non farlo per primo.
E termino come ho iniziato: ogni volta che leggo un libro di Pennac mi dico "basta, questo è l'ultimo". Poi ci ricasco perché forse spero di ricredermi. Chissà.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Signori bambini (Pennac), 23-12-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
I bambini sono molto cari a Pennac e anche in questo caso riesce a raccontare una vicenda delicata con estrema dolcezza e inimitabile tatto. Un vero maestro di stile.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Signori bambini (9)


Prodotti correlati