€ 11.28€ 12.00
    Risparmi: € 0.72 (6%)
Spedizione a 1 euro sopra i € 25
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
La presa di Macallè

La presa di Macallè

di Andrea Camilleri


Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Trama del libro

Nell'anno di grazia 1935, quello della guerra d'Abissinia, Michilino è un "picciliddro". Figlio della Lupa, fascista perfetto, arruolato nella milizia di Cristo grazie a prima comunione e cresima, il bambino si cerca a tentoni tra un padre che si "ringalluzza con la creata di casa" e una madre che si dà alla "penetrante conversazione" con un prete. Il professore Gorgerino, pedofilo e capo dell'opera nazionale balilla, lo introduce alla ginnastica degli spartani brutalizzandolo per festeggiare di volta in volta la presa di Macallè, di Tacazzè, Axum. Ed è proprio durante i festeggiamenti per la presa di Macallè che il bambino dall'infanzia manomessa decide di farsi vendicatore, trasformandosi in un pluriomicida soldato della milizia del Duce e di Cristo.

Tutti i libri di Andrea Camilleri

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano La presa di Macallè acquistano anche Le pecore e il pastore di Andrea Camilleri € 9.40
La presa di Macallè
aggiungi
Le pecore e il pastore
aggiungi
€ 20.68

Voto medio del prodotto:  3.5 (3.7 di 5 su 6 recensioni)

4Risate amare, 01-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Lo definirei un romanzo triste soprattutto perché è una denuncia contro i personaggi di cui un bambino necessiterebbe avere più fiducia: un prete, un insegnante, una madre, una cugina, un padre, tutti coloro che denunciano e gridano contro il peccato e i peccatori (anche di avere una differente fede politica) quando sono invece loro medesimi peccatori anche perchè hanno creato nel protagonista una lugubre idea del peccato.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4La presa di Macallè, 31-07-2011, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
La presa di Macallè descrive un'infanzia negata e contorta. È un libro crudo e crudele, in cui si narra la storia, ambientata nell'epoca fascista, del piccolo Michelino, che viene a conoscenza degli aspetti più torbidi della sessualità perdendo, pian piano, la sua innocenza. Alla fine si ribella, il piccolo, diventando lui stesso uno strumento di violenza. Un libro cattivo, che fa riflettere.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4La presa di Macallè, 26-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Avevo intenzione di dare cinque, ma visto il finale preferisco assegnargli un quattro. "La presa di Macallè" è un romanzo fallico come l'epoca che descrive. Tuttavia, la sessualità è deformata, impoverita, strumentalizzata e diviene metafora implacabile di una società che ha ucciso l'innocenza, gli ideali e la storia. Un libro eccessivo e crudele che, senza scorciatoie, racconta uno spaccato dell'epoca fascista con le sue aberrazioni.
Tre stelline, invece di quattro perchè avrei preferito che, in diverse pagine, Camilleri si fosse abbandonato semplicemente alla sua meravigliosa narrazione senza digrignare di continuo i denti.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5la gioventù, 26-10-2010, ritenuta utile da 2 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
pur mantenendo il suo modo ironico ed apparentemente scanzonato di scrivere, Camilleri tratteggia con la sua solita bravura le vicende di un ragazzino da principio vittima degli adulti.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Paradossale, originale e coinvolgente, 19-09-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Bello e paradossale. La storia del giovane Michelino che si svolge nell'Italia fascista dell'anno 1935. Tema conduttore del libro è la visione della realtà interpretata dal giovane protagonista. I fatti storici e le vicende politiche vengono di volta in volta percepite dal ragazzo sulla base delle sue conoscenze e delle sue capacità interpretative. Ne deriva una realtà fiabesca, mitizzata, ma anche violenta e triste. I capisaldi dell'educazione ricevuta da Michelino, vale a dire l'indottrinamento cattolico e quello fascista finiranno per trasformarlo in feroce assassino, nella certezza che tutte le sue azioni siano mosse dall'obbedienza agli alti ideali a cui è chiamato. Originale e coinvolgente.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su La presa di Macallè (6)


Prodotti correlati

Ultimi prodotti visti