€ 6.49€ 6.90
    Risparmi: € 0.41 (6%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi

Disponibile in altre edizioni:

Perché ancora destra e sinistra
€ 9.00 € 8.46
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Perché ancora destra e sinistra

Perché ancora destra e sinistra

di Carlo Galli


Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
  • Editore: Laterza
  • Collana: Economica Laterza
  • Data di Pubblicazione: settembre 2013
  • EAN: 9788858108840
  • ISBN: 8858108841
  • Pagine: XI-83
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

"Carlo Galli non usa certo mezzi termini. E in questo densissimo, prezioso testo prende apertamente posizione sulla 'vexata quaestio' della sopravvivenza o meno della coppia antitetica destra-sinistra. Seppur vulnerate dalla radicale trasformazione dello spazio politico, minacciate dagli effetti epocali della globalizzazione e della crisi dello Stato-nazione, difficili da riconoscere nella prassi politica quotidiana, tuttavia quelle categorie conservano ancora efficacia e significato." (Marco Revelli, "Tuttolibri")

Tutti i libri di Carlo Galli

Voto medio del prodotto:  4 (4 di 5 su 2 recensioni)

4Destra e Sinistra, 25-03-2018
di - leggi tutte le sue recensioni
Perché ancora destra e sinistra di Carlo Galli per la Laterza propone un problema importante, che tuttavia non affronta compiutamente. La differenza tra tali due categorie consiste esattamente nel fatto che la Destra è contro la democrazia, e la Sinistra è per la democrazia. Poiché la democrazia non è altro che una trappola per stolti, il suo mito può servire: o per fondare regimi plutocratici (detti liberaldemocratici) o per fondare regimi comunisti.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Perché ancora destra e sinistra?, 12-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Bisogna superare il grosso scoglio di un linguaggio davvero molto accademico e i concetti che esprime sono ben lontani dalla limpida chiarezza di "Destra e sinistra" di Norberto Bobbio il quale, con parole piane e comprensibili, ci aveva spiegato che la distinzione tra destra e sinistra riguarda fondamentalmente il diverso atteggiamento verso l'idea di uguaglianza: la sinistra ritiene che si debba trovare il modo di attenuare le disuguaglianze tra gli uomini mentre la destra è convinta che le disuguaglianze non siano eliminabili. Comunque uno spunto interessante il libro ce lo offre a pag. 70 e seguenti con un'analisi che mi è parsa originale del fenomeno incarnato da Silvio Berlusconi "singolare esempio di affabulazione carismatica e di populismo televisivo".
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Ultimi prodotti visti