€ 7.52€ 8.00
    Risparmi: € 0.48 (6%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
La morte della Pizia

La morte della Pizia

di Friedrich Dürrenmatt


Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
  • Editore: Adelphi
  • Collana: Piccola biblioteca Adelphi
  • Edizione: 19
  • Traduttore: Colorni R.
  • Data di Pubblicazione: giugno 1988
  • EAN: 9788845902963
  • ISBN: 884590296X
  • Pagine: 68
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"


I libri più venduti di Friedrich Dürrenmatt

Tutti i libri di Friedrich Dürrenmatt

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano La morte della Pizia acquistano anche La visita della vecchia signora di Friedrich Dürrenmatt € 8.50
La morte della Pizia
aggiungi
La visita della vecchia signora
aggiungi
€ 16.02

Voto medio del prodotto:  4 (4.4 di 5 su 5 recensioni)

4Caldamente consigliato, 18-05-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Drrenmatt non è mai riuscito in nessuna maniera a tradirmi, per quei pochi suoi racconti che ho avuto il piacere di leggere. Anche questo "La morte della Pizia" l'giudicato una lettura piacevole ed commovente! Drrenmatt maschera dietro al mito e ad un'ironia di fondo davvero piacevole concetti sui quali vale la pena di trascorrere qualche ora di riflessione individuale. Probabilmente qualche ora è poc, vista la mole di concetti espressi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Il mito riportato all'uomo, 16-04-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Una raccolta di racconti, tutti geniali. Durrenmatt non riesce a scrivere qualcosa di scontato o di noioso. La morte della Pizia, il racconto più lungo è articolato intorno al mito di Edipo. Per la prima volta la famosa storia è raccontata dal punto di vista della Pizia, ovvero dell'oracolo che con i suoi vaticini dette il via alla tragedia di Edipo. Il mito viene riportato in queste pagine all'umano, il freddo, gli spifferi, il sudore, i reumatismi, la distrazione, le più piccole cose umane prendono il posto che forse gli spetta all'interno dei miti, dei grandi miti, riportando la carne e le debolezze al centro delle storie anche più filosofiche o metafisiche. Un racconto bellissimo, e divertente come un gioco ad incastri.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3La morte della Pizia, 15-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Lo lessi un secolo fa ai tempi dell'università. Mi piace molto Duerrenmatt, amo la Confederazione, ho una gran stima per gli Elvezi e trovo molto piacevole quella metropoli di provincia che è Zurigo. Si respira un'aria diversa dietro le Alpi, un'aria che coniuga libertà e ordine, individualismo e forte senso comunitario, identità territoriale e cosmopolitismo. Da sempre. Tuttavia questo librino non mi ha convinto, Stile astruso e labirintico. In sostanza sconsigliato. Non mi è penetrato nelle anticamere cerebrali, non mi ha assorbito come le opere "giuridiche" di Duerrenmatt. Non so, mi sono mancati i canti della Congrega dei Santi dell'Huetli forse, l'atmosfera a volte kafkiana. Scrittura raffinata e sviluppata attorno al mistero dell'incerto. Così come incerto è il mio giudizio.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Sacra dissacrazione, 06-08-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro breve, di veloce e semplice lettura, anche per chi non avesse altro che un'infarinatura di letteratura/mitologia greca; eppure un testo di rara arguzia, di sapiente ironia, capace di divertire e di turbare.

Un libro che fin da subito si rivela come trionfo del non-senso: ma forse che è proprio in tutto questo non-senso che sta il senso di questa lettura? il senso di noi stessi?... Un testo che, risolvendo formalmente molti interrogativi, altro non fa che aprircene a mille altri.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Bellissimo!, 04-08-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Una visione completamente stravolta della sacralità e saggezza degli oracoli greci. Attraverso le più insensate e inverosimili profezie pronunciate da una Pizia vecchia e “stufa” di inventare responsi per i creduloni che la consultano, l’autore ci proietta nel pieno di una rivisitata mitologia greca. Vi si ritrovano personaggi della tragedia come Edipo, la Sfinge, l’indovino Tiresia, le cui vicende, conosciute e inventate acquistano una luce nuova.
Impossibile “togliersi il sorriso dalle labbra”, impossibile non fermarsi ad ogni passaggio senza chiedersi come sia possibile una scrittura così potente, così irriverente, così caratterizzante: i personaggi sono “vivi”, le situazioni diventano “reali”.
Quando uno scrittore è grande …
Sessanta pagine di grande letteratura.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Prodotti correlati

Gli altri utenti hanno acquistato anche...

Ultimi prodotti visti