€ 19.50
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 

Disponibile in altre edizioni:

La fiera della vanità
La fiera della vanità(2019 - brossura)
€ 19.50 € 16.57
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
La fiera della vanità

La fiera della vanità

di William Makepeace Thackeray


Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Garzanti
  • Collana: I grandi libri
  • Edizione: 10
  • Traduttore: Mainardi R.
  • Data di Pubblicazione: gennaio 2010
  • EAN: 9788811368779
  • ISBN: 8811368774
  • Pagine: XXV-889
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Trama del libro

Straordinario quadro satirico dell'Inghilterra vittoriana, il romanzo rappresenta, in modo sottilmente complesso, le colpe di una società che premia solo l'ipocrisia. Scrittore aspro e amaro, Thackeray plasma magistralmente le figure emblematiche delle protagoniste, l'astuta arrivista Becky Sharp e la virtuosa quanto ingenua e insipida Amelia Sedley, e le contorna di uno stuolo di riusciti personaggi, tutti ugualmente vivi perché tutti profondamente umani.

I libri più venduti di William Makepeace Thackeray

Tutti i libri di William Makepeace Thackeray

Voto medio del prodotto:  4 (4 di 5 su 2 recensioni)

3Romanzo vittoriano, 26-09-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Lo considero un libro diverso. Diverso è lo stile: il narratore omniscente interviene, giudice, nel commentare i suoi personaggi di cui si danno divertenti caricature. I toni sono affettati ed il romanzo è una satira della società inglese in età vittoriana. Le protagoniste sono due ragazze molto diverse tra loro, prima di tutto per la classe sociale a cui appartengono di cui se ne sentiranno delle belle!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5La fiera della vanità , 24-09-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Il capolavoro di Thackeray che mette alla berlina la società dei suoi tempi. Spietato e ironico, riesce a smontare tutti i personaggi. Si salva, in parte (pur facendo la figura dell'ingenua sprovveduta) il personaggio di Amelia e sicuramente il povero buon Dobbin. Per il resto, è una fiera di personaggi vanesi, equivoci, in malafede, intriganti ed egoisti, che della Vanità, appunto, hanno fatto la loro religione. Geniale.
Ritieni utile questa recensione? SI NO