€ 11.05€ 13.00
    Risparmi: € 1.95 (15%)
Normalmente disponibile in 4/5 giorni lavorativi

Disponibile in altre edizioni:

La fiera delle vanità
€ 13.00 € 9.75
Disponibilità immediata solo 1 pz.
La fiera delle vanità
La fiera delle vanità(2004 - brossura)
€ 9.90 € 8.41
Normalmente disponibile in 4/5 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
La fiera delle vanità

La fiera delle vanità

di William Makepeace Thackeray


Normalmente disponibile in 4/5 giorni lavorativi

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Trama del libro

Il romanzo ha come titolo completo "Vanity Fair: a novel without a hero", ovvero "La fiera della vanità: un romanzo senza un eroe". La vera protagonista della storia è infatti la società con le sue contraddizioni: apparentemente si esalta la condotta secondo moralità, ma in realtà di ogni cosa si reclama solo l'apparenza e vittorioso è sempre il più furbo, mai il più buono. A rappresentare i due tipi di condotta due personaggi femminili: l'ingenua, pura e ricca Amelia Sedley e l'arrivista, povera e intelligente Becky Sharp. Il filo dell'ipocrisia legherà la scalata sociale della prima all'esistenza inutilmente votata alla rispettabilità della seconda.

I libri più venduti di William Makepeace Thackeray

Tutti i libri di William Makepeace Thackeray

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano La fiera delle vanità acquistano anche La forma delle nuvole. Saggi di letteratura inglese di Stefano Bronzini € 18.00
La fiera delle vanità
aggiungi
La forma delle nuvole. Saggi di letteratura inglese
aggiungi
€ 29.05

Voto medio del prodotto:  3.5 (3.8 di 5 su 4 recensioni)

2Una dettagliata descrizione della realtà umana, 30-03-2018
di - leggi tutte le sue recensioni
Non ho potuto affatto apprezzare il presente romanzo per lo stile della narrazione che si dilunga eccessivamente su elementi frivoli, talvolta necessari ma che nel complesso fanno trasparire, a mio parere, la volontà dell'autore di poter ricavare un guadagno più alto possibile dai propri episodi. Certo è che fu molto apprezzato all'epoca della sua pubblicazione e, da quanto leggo, ancora oggi. Credo che ciò sia dovuto maggiormente al contenuto: la storia consiste nell'intreccio tra le vite delle due protagoniste, Amelia e Becky, dal carattere diametralmente opposto, la qual cosa però non permette di affezionarsi ad un personaggio e odiare l'altro, bensì di odiarli entrambi allo stesso modo. Questa era la stessa intenzione di Thackeray e direi che è riuscito perfettamente nel suo obiettivo. Tuttavia, per ogni personaggio arriva un momento in cui ci si rende conto del buono che c'è in lui e si cambia prospettiva, portando ad una riflessione sulla validità dei giudizi più o meno affrettati che siamo abituati a dare, e nel fare questo l'autore è stato magistrale, facendolo intendere più che esprimendolo apertamente. Il narratore, poi, è fortemente ironico, anche troppo, ma in tal modo alleggerisce il tono del romanzo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3Mi aspettavo di più, 23-09-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Il romanzo mi è parso a tratti un po' pasticciato, naturalmente intriso di grande frivolezza e di elementi scontati. Non sò per quale ragione, ma questo autore che ha inteso fare di questo manoscritto la spina nel fianco dell'aristocrazia non ha altro che rappresentato (in una lunghezza estenuante) una storia comune e neanche troppo singolare per lo scopo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Assolutamente da leggere, 03-07-2011, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Ho adorato questo romanzo, che rimane uno dei classici della letteratura. Becky e Amelia sono due ragazze quasi totalmente opposte, eppure in entrambe c'è qualcosa di noi. La scrittura è scorrevole, anche se in alcuni tratti può risultare un po difficile, ma mai noiosa. Consiglio questo libro veramente a tutti, leggetelo e non ve ne pentirete
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Vanity, vanity fair, 11-08-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
"la fiera delle vanità" è un libro unico come pochi, e sebbene 162 anni ci separino dalla prima edizione, è attuale come non mai. L'attualità di un libro, in realtà, non risiede negli ideali che trasmette, e Thackeray, non ne voleva trasmettere assolutamente, ma in come l'autore racconta e descrive, in modo puro e quasi oggettivo, perchè l'ironia la fa da padrona, quella che era la vita quotidiana al suo tempo, e leggendolo ci si accorge che è come la vita nel nostro. I personaggi di Thackeray sono molto umani e "vivi", per le loro idee, per le loro aspirazioni,per vizi e debolezze, per falsità e ipocrisie, che costruiscono la nostra maschera rispettabile, che copre il nostro vero animo e le nostre vere intenzioni. Chissà quante Becky Sharp abbiamo incontrato in vita nostra, pronte a tutto per sposare un uomo ricco,oppure persone ingenue come Amelia Sedley, troppo impegnate a commiserarsi piuttosto che alzare lo sguardo da terra e rendersi conto di cosa ci accade in torno, o ancora i classici spacconi alla Rawdon Crawley, tutto fumo e niente arrosto.Concludendo, "la fiera delle vanità" è un libro che va letto prima o poi, ma non giudicando i personaggi e il loro operato, piuttosto prendendo atto delle loro azioni e divertirsi a seguire gli effetti.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Prodotti correlati

Gli altri utenti hanno acquistato anche...

Ultimi prodotti visti