€ 15.04€ 16.00
    Risparmi: € 0.96 (6%)
Normalmente disponibile in 2/4 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Falce e carrello. Le mani sulla spesa degli italiani

Falce e carrello. Le mani sulla spesa degli italiani

di Bernardo Caprotti


Normalmente disponibile in 2/4 giorni lavorativi
  • Editore: Marsilio
  • Collana: Gli specchi
  • Data di Pubblicazione: novembre 2014
  • EAN: 9788831720861
  • ISBN: 8831720864
  • Pagine: 189
  • Formato: brossura
  • Ean altre edizioni: 9788831793728

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

"Bernardo Caprotti è l'imprenditore che ha portato all'eccellenza i supermercati in Italia. Ne ha fatto un caso di rinomanza internazionale, nel settore. A 81 anni ha deciso di rompere il suo riserbo (niente interviste, niente fotografie, poche apparizioni pubbliche, tanto lavoro) e in questo libro-denuncia racconta ciò che ha dovuto subire per mano delle Coop. Dai primi contatti con il gigante "rosso" della grande distribuzione fino alle polemiche degli ultimi mesi, il fondatore di Esselunga ricostruisce un confronto pluridecennale scambiato fino a poco tempo fa per normale concorrenza. Invece, mettendo insieme con meticolosità le tessere del mosaico, a Caprotti è apparso un disegno preciso: far sparire la sua azienda dal mercato. In questo j'accuse l'imprenditore documenta, prove alla mano, una serie di vicende che di primo acchito sembrano tentativi imprenditoriali andati a vuoto, nella realtà si rivelano parte di un censurabile piano strategico altrui. Giacché Esselunga non può essere la sola vittima del 'sistema'. Dalla rigorosa esposizione dei fatti appare di tutta evidenza che molte iniziative di Esselunga sono state affossate dalla Legacoop, il gigante economico agli ordini del Pci-Pds-Ds, con l'indispensabile appoggio delle amministrazioni locali di sinistra". Prefazione di Geminello Alvi.

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano Falce e carrello. Le mani sulla spesa degli italiani acquistano anche Gli uomini del disonore. La mafia siciliana nella vita del grande pentito Antonino Calderone di Pino Arlacchi € 15.98
Falce e carrello. Le mani sulla spesa degli italiani
aggiungi
Gli uomini del disonore. La mafia siciliana nella vita del grande pentito Antonino Calderone
aggiungi
€ 31.02

Voto medio del prodotto:  3.5 (3.6 di 5 su 5 recensioni)

3Esselunga e Legacoop, 25-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un documento redatto dall'ottantenne Bernardo Caprotti, che ha importato il supermarket in Italia dagli Stati Uniti negli anni Cinquanta. Il suo atto d'accusa è corredato da copie di documenti legali, articoli apparsi sui quotidiani, tabelle comparative redatte da Top Trade e Panel International. Forse un po' frammentario, denuncia la concorrenza sleale messa in atto da Coop con l'appoggio delle amministrazioni comunali ai danni dell'Esselunga. Molto interessante la parte dedicata alle lotte sindacali.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Ma questa COOP non sono io,, 14-11-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Incredibile come davanti agli interessi privati possano prevalere su quelli dei soci, ovviamente ignari di come vengano in realtà impiegati i soldi del "prestito sociale". Alla faccia della concorrenza e del libero mercato. E l'ABI sta a guardare, in barba agli ignorati "scopi sociali" unica vera natura di vita delle COOP. Per non parlare poi dei prezzi sugli scaffali e la tessera socio a pagamento (50. ) che invece tutti gli altri danno gratis!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Falce e carrello., 13-07-2011, ritenuta utile da 4 utenti su 5
di - leggi tutte le sue recensioni
Buon, a parte però di non prendere per oro colato tutte le dichirazioni. A parte i vezzi come scrivere "ebbimo", dalle sue parole si capisce che per lui l'azienda è la vita. Gli utili sono importanti ma secondari; i dipendenti sono un male purtroppo ancora necessario; ma quello che conta davvero è l'azienda. Da quando dice alla madre "da domani non verrò più quassì nella nostra ditta tessile, perché ho scoperto che il retail è il mio campo", a quando racconta di come sia sempre stato pronto a tutte le innovazioni tecnologiche, anticipando di anni il codice a barre per i prodotti, a quando ultraottantenne non solo non vende ai comunisti delle Coop - l'anticomunismo è il suo chiodo fisso, e il suo odio verso Prodi secondo me è stato esacerbato dall'allearsi di quest'ultimo con gli odiati nemici - ma nemmeno a Wal-Mart o Tesco, "perché quelli non hanno la cultura della vendita". Ma in filigrana si vede anche quello che manca. Non ho problemi ad accettare come vero il suo atto di accusa, anche per quel poco di LegaCoop che ho conosciuto direttamente, ma faccio notare che Esselunga non la si trova a Torino, dove le Coop non sono certo forti, e nemmeno in Veneto, dove le Coop sono bianche. Qualcosa vorrà ben dire... Il tema dei vantaggi fiscali e no delle Coop è troppo complicato da spiegare in una recensione, ma sembra usato come scusa per non parlare della gestione interna dei supermercati (che anch'essa è qui fuoritema) . In definitiva, un libro sicuramente da leggere ma altrettanto sicuramente da non prendere per oro colato.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2Coop contro Esselunga, 28-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Coop ed Esselunga se le suonano di santa ragione in buona parte delle città italiane del Nord e Centro. L'autore di questo libro non è altro che il padrone dell'Esselunga: sfoghi, sfoghi e accuse contro gli avversari. Tralasciando i fatti più "economici" - non ho troppa esperienza in queste cose - mi domando come un uomo tanto ricco possa abbassarsi a ciò e descrivere la sua vita agiata come un percorso di sofferenza e torti. Ma mettiti in bocca una scatoletta di tonno Esselunga, và.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4La denuncia di un'anomalia italiana, 05-10-2010, ritenuta utile da 16 utenti su 20
di - leggi tutte le sue recensioni
Il libro di Caprotti è quasi più uno sfogo che una denuncia. Lo sfogo di un'imprenditore che da oltre 50 anni opera nella grande distribuzione italiana e che si trova a dover combattere contro le grandi cooperative di consumo che, usufruendo di agevolazioni fiscali impensabili e di palesi favoritismi degli enti locali, esercitano una concorrenza, che Caprotti ritiene per molti versi sleale, nei confronti delle catene commerciali aventi scopo di lucro.
L'autore quindi mette in evidenza come nelle grandissime coop lo "scopo mutualistico" sia ormai venuto meno, sostenendo che sono diventate soltanto strumenti di clientelismo politico.
Un buon libro che merita di essere letto.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Ultimi prodotti visti