€ 14.40€ 15.00
    Risparmi: € 0.60 (4%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi

Disponibile in altre edizioni:

Le due guerre. Perché l'Italia ha sconfitto il terrorismo e non la mafia
€ 8.90 € 8.54
Disponibilità immediata
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Le due guerre. Perché l'Italia ha sconfitto il terrorismo e non la mafia

Le due guerre. Perché l'Italia ha sconfitto il terrorismo e non la mafia

di Gian Carlo Caselli


Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Melampo
  • Collana: I tascabili
  • Data di Pubblicazione: dicembre 2009
  • EAN: 9788889533390
  • ISBN: 8889533390
  • Pagine: 211
  • Formato: brossura

Descrizione del libro

Due guerre e una sola trincea, la scrivania di un magistrato. Dalla Torino degli anni Settanta alla Palermo dei Novanta, trentacinque anni di storia italiana attraverso lo sguardo di un protagonista della lotta contro il terrorismo di sinistra e contro la mafia. Due guerre in difesa della democrazia, una vinta (quella contro il terrorismo), una in sospeso (quella contro la mafia). Dal processo ai capi storici delle Brigate rosse al pentimento di Patrizio Peci, dalle stragi di Capaci e via D'Amelio all'arresto di Totò Riina e di decine di altri latitanti, passando per il caso Cossiga/Donat-Cattin e il processo a Giulio Andreotti. In mezzo, il ricordo di tanti, troppi amici che, in questa storia aspra di rischi e di eroismi, combattendo hanno perso la vita. Memorie, interrogativi, domande e risposte. Gian Carlo Caselli racconta. (Postfazione di Marco Travaglio).

Tutti i libri di Gian Carlo Caselli

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano Le due guerre. Perché l'Italia ha sconfitto il terrorismo e non la mafia acquistano anche Il sindacato nell'Italia del secondo dopoguerra di Jorge Torre Santos € 13.72
Le due guerre. Perché l'Italia ha sconfitto il terrorismo e non la mafia
aggiungi
Il sindacato nell'Italia del secondo dopoguerra
aggiungi
€ 28.12

Voto medio del prodotto:  4 (4.3 di 5 su 3 recensioni)

4Le due guerre, 29-03-2011, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Provo a scriverne la recensione dopo una prima e sommaria lettura. Un libro intelligente.
Gian Carlo Caselli, che si è occupato prima di antiterrorismo e poi di lotta alla mafia, analizza momenti importanti del passato e ne sviscera ogni aspetto senza peli sulla lingua. Racconta la sua vita sul campo e quello che scrive non può in alcun modo lasciare indifferenti, descrive il comportamento dello Stato nella lotta al terrorismo e alla mafia e trae le dovute conclusioni.
Un bel libro, che fa riflettere soprattutto sui rapporti tra mafia e politica. Significativo a questo proposito il richiamo alla Sentenza di Corte di Appello emessa nei confronti del Sen. Giulio Andreotti e confermata dalla Cassazione. Il Senatore non è proprio uscito pulito dall'accusa di collusione con la mafia, il reato era prescritto, ma la sua colpevolezza è stata accertata e confermata. Chissà perché, però, si è fatto in modo che la versione maggiormente diffusa fosse un'altra...
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4le due guerre, 25-08-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Caselli insieme a suo figlio scrive un libro in cui racchiude storicamente ciò che accadde sia nel periodo delle brigate rosse sia nel periodo in cui arriva a Palermo per combattere la mafia. Fa delle chiare contrapposizioni tra la lotta alle brigate rosse in cui lo stato ha dato il suo contributo e la lotta alla mafia in cui si dendeva ad abbandonare il giudice/magistrato/forza dell'ordine, in modo da non toccare il potere mafioso. Oltre ai fatti storici viene raccontata la vita sotto scorta del magistrato e di come la sua famiglia la vissuta
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5un magistrato libero e scomodo al potere, 17-07-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Da siciliano, ammiro tantissimo il procuratore Caselli... Era già stato in prima linea durante gli anni di piombo contro il terrorismo, ma sentendosi chiamato in causa da Paolo Borsellino, che pochi giorni prima di morire gli fece mandare a dire "non è ancora arrivato il momento di andare in pensione", nel '92 chiese il trasferimento al CSM da Torino a Palermo(ottenuto poi nei primi del '93), quando ancora la mafia ( solo lei?) i magistrati li faceva saltare in aria. Additato prima di destra durante il terrorismo, poi "toga rossa" da gente che evidentemente, avendo qualche scheletro nell'armadio, ne temeva, e ne teme, il suo essere soggetto solo alla legge. Gli è stato impedito nel 2005 di diventare Procuratore Nazionale Antimafia da una legge che, introducendo limiti di età, era fatta apposta per impedirgli di diventare Procuratore Nazionale Antimafia, posto che poi è stato occupato da Grasso( è come la vecchia storia della mancata nomina di Giovanni Falcone a capo dell'ufficio istruzione). Evidentemente avevano, ed hanno, paura di lui.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Altri utenti hanno acquistato anche