€ 7.05€ 7.50
    Risparmi: € 0.45 (6%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Di bene in peggio. Istruzioni per un successo catastrofico

Di bene in peggio. Istruzioni per un successo catastrofico

di Paul Watzlawick


Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Feltrinelli
  • Collana: Universale economica. Saggi
  • Traduttore: Ganni E.
  • Data di Pubblicazione: settembre 2013
  • EAN: 9788807882531
  • ISBN: 8807882531
  • Pagine: 88
  • Formato: brossura
  • Ean altre edizioni: 9788807090141, 9788807814952

Descrizione del libro

Chi non ha sperimentato il bisogno di certezze e il desiderio di arrivare al fondo delle cose, di comprendere davvero, rinvenendo quelle che Paul Watzlawick definisce "ipersoluzioni"? La ricerca di soluzioni radicali e definitive, seppure nasce con le migliori intenzioni, è alla fine un modo di affrontare i problemi che ha inevitabilmente effetti controproducenti. Non per nulla la saggezza popolare dice che "le vie dell'inferno sono lastricate di buone intenzioni". Il libro intende mettere in guardia gli adolescenti come gli anziani, i sadici come i masochisti, da questa estrema ed erronea ricerca di totalità, e dall'intransigenza dell'alternativa radicale, del "tertium non datur".

Tutti i libri di Paul Watzlawick

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano Di bene in peggio. Istruzioni per un successo catastrofico acquistano anche Pragmatica della comunicazione umana. Studio dei modelli interattivi, delle patologie e dei paradossi di Paul Watzlawick € 16.92
Di bene in peggio. Istruzioni per un successo catastrofico
aggiungi
Pragmatica della comunicazione umana. Studio dei modelli interattivi, delle patologie e dei paradossi
aggiungi
€ 23.97

Voto medio del prodotto:  5.0 (5 di 5 su 1 recensione)

5.0Ironico e geniale, 17-02-2017
di - leggi tutte le sue recensioni
Saggio che attraverso l'ironia rovescia i luoghi comuni per raggiungere la felicità. Induce alla riflessione profonda rispetto ai nostri tentativi di sabotare la nostra felicità. Il lettore metterà in discussione il proprio comportamento verso la realizzazione di se stesso.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Un invito alla riflessione, 28-01-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
L'"ipersoluzione" è una errata modalità di soluzione dei problemi che conduce ad esiti paradossali, contrari rispetto agli esiti desiderati. Può essere felicemente rappresentata dal famoso motto: "operazione perfettamente riuscita, paziente deceduto". L'"ipersoluzione" nasce e si sviluppa all'interno del "manicheismo", del radicale dualismo di cui è intrisa buona parte della cultura contemporanea. Tra due apparenti alternative esiste sempre una terza possibilità, al di là delle facili e tentatrici ipersoluzioni (sì-no, dentro-fuori, bene-male, ecc. ) Ma, attenti, anche la via di mezzo potrebbe rappresentare una "ipersoluzione"...
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Fonte di produttive riflessioni, 05-07-2011, ritenuta utile da 3 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Il titolo è accattivante, il testo è utile per riflessioni suol quotidiano e tormentato vivere dell'essere umano. L'emiente studioso di comunicazione, uno dei più grandi maestri della scuola di Palo Alto, spiega in modo piu' comprensibile (ma necessariamente meno completo) che non nel manuale per psicoterapeuti "Change", perchè spesso le "soluzioni di buon senso" ai problemi che incontrariamo nella vita, finiscono per produrre peggioramentoi della situazione, mentre paradossi, reali o apparenti, la risolvano. E' una questione di punto di osservazione del mondo, di elasticità mentale, e di inquinamento culturale del principio aristotelico (o secondo altri manicheo) in base al quale per forza il mondo è governato dalla regola dell'autaut. Ossia, in presenza di due opposti, uno è vero e l'altro è falso. E che il contrario del male è per forza il bene. Questa impostazione, insieme all'equivoco della moltiplicazione dei fattori e altri minori, ci induce in equivoci disastrosi. Quelle che l'autore definisce "ipersoluzioni".
Ritieni utile questa recensione? SI NO