€ 7.75
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Un uomo

Un uomo

di Oriana Fallaci

5.0

Prodotto momentaneamente non disponibile

Note su Oriana Fallaci

Oriana Fallaci nacque a Firenze il 26 giugno 1929. Visse un'infanzia difficile a causa della seconda guerra mondiale. A soli dieci anni infatti, il padre Edoardo, fervente antifascista, la coinvolse nelle attività della Resistenza, esperienza che contribuì a forgiare una donna dal carattere combattivo e tenace. Per l'impegno in guerra ricevette anche la medaglia d'onore dell'Esercito Italiano. Subito dopo la guerra, non ancora maggiorenne, iniziò a lavorare come giornalista. Scrisse per importanti testate giornalistiche, tra cui L'Europeo e il Corriere della Sera, e i sui articoli furono spesso tradotti all'estero. Iniziò anche a frequentare la facoltà di Medicina, ma abbandonò gli studi dopo poco, per dedicarsi completamente all'attività che più le piaceva e meglio le riusciva: scrivere. In poco tempo, la sua naturale capacità abbinata ad un carattere di ferro, la portarono ai vertici del giornalismo mondiale. Fu la prima donna in Italia ad andare al fronte come inviata speciale, tra il 1967 e il 1975 passò lunghi periodi in Vietnam, nel 1968, a Città del Messico, fu ferita durante la strage di piazza delle Tre Culture. In generale, seguì tutti i più cruenti conflitti del 1900, tutti gli eventi storici di maggior rilievo. Fece delle memorabili interviste ai potenti del mondo, tra cui Henry Kissinger, Golda Meir, Indira Gandhi, Gheddafi, Arafat e Khomeini. Sulla base delle sue esperienze di vita, scrisse numerosi romanzi, spesso autobiografici, che ne determinarono il successo internazionale e proiettarono Oriana nel gotha degli scrittori più apprezzati dell'ultimo secolo. Tra questi ricordiamo "Penelope alla guerra" (1962) "Niente e così sia" (1969), "Intervista con la storia" (1974), "Lettera ad un bambino mai nato" (1975), "Un uomo" (1979), "Insciallah" (1990), "La rabbia e l'orgoglio" (2001). Restando coerente con sé stessa, nei suoi articoli e nei suoi libri non fece mai segreto della sua opinione personale e le sue forti prese di posizione a volte (come nel caso de "La forza della ragione") suscitarono numerose polemiche. Oriana Fallaci morì a Firenze il 15 settembre del 2006.
 

Altri utenti hanno acquistato anche:


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Un uomo e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  5.0 (4.8 di 5 su 26 recensioni)

5.0Un capolavoro , 25-01-2015, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
"Un uomo" è straordinario: un romanzo davvero molto commovente. Alekos Panagulis, prima di morire a causa di un incidente automobilistico provocato apposta, ha chiesto alla Fallaci di scrivere la storia della sua vita, e lei l'ha fatto in modo magistrale. Nel libro sono contenuti fatti realmente accaduti, e le pagine in cui sono raccontate la prigionia e le torture subite da Panagulis sono davvero terribili e crude... sono scritte così bene che sembra di essere lì a patire! Viene raccontata anche parte della storia d'amore tra Panagulis e la Fallaci, e questa storia mi ha toccata nel profondo. È un libro che trasmette tantissime emozioni: sdegno, tristezza, amarezza, impotenza, tragedia... lo consiglio senz'altro!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Un uomo, 28-02-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
E' un libro talmente profondo, talmente vivo, talmente crudo e diretto che scava solchi indelebili. La scrittura della Fallaci è sempre decisa e forbita. Una storia vera vissuta in prima persona resa in un grande romanzo. Magari la nostra politica avesse un minimo degli ideali descritti nel libro. Da leggere.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Perfetto nonostante sia passato molto tempo, 28-09-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Innanzitutto leggere un libro di Oriana Fallaci è immergersi in un capolavoro perchè scritto in un italiano eccellente. Non basta. In questo libro c'è tutto: l'amore e la rabbia, la delusione e la gioia, la politica e gli ideali ma anche gli errori, la cattiveria, l'altro lato del potere. Attualissimo
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Un atto d'amore, 04-05-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Un Uomo un vero e proprio atto d'amore scritto dalla Fallaci per l'uomo che ha amato. Lo stile di scrittura è perfetto e scorrevole e le riflessioni sull'animo umano, sull'amore, sulla politica e sulle rivoluzioni sono da antologia. Non raggiunge il voto pieno solo perché in alcuni punti è leggermente ripetitivo e a tratti pesantuccio. Ma sono difetti minori che non minano la qualità di questo romanzo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Una grande storia d'amore, 23-03-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro che insegna il coraggio di amare. Una storia di uomini pieni di ideali, disposti a tutto pur di difenderli. Sicuramente l'autrice ci ha lasciato una grande eredità che al giorno d'oggi è indispensabile per poter vivere di contenuti. Per me il più bel libro che la Fallaci abbia scritto.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Un uomo, 14-03-2011, ritenuta utile da 2 utenti su 18
di - leggi tutte le sue recensioni
Sicuramente il miglior libro della Fallaci in assoluto. Una delle tragedie della sua vita, l'uomo amato che alla fine va incontro a un destino segnato. Un eroe rivoluzionario di cui Oriana condivide i pensieri. Consigliato non solo per i suoi estimatori ma per tutti.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Una Bibbia agghiacciante, 05-03-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
457 pagine serrate di agonia che conducono a una morte annunciata, inevitabile, cercata e temuta, indispensabile a smuovere le coscienze. La donna innamorata, amareggiata, spaventata, racconta l'ammirazione verso l'uomo che è mito di se stesso vivendo per gli ideali che lo uccideranno e morendo secondo un'idea di vita libera ed individuale che tocca la collettività intera dell'essere umano.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Una storia disperata di Amore e di politica, 22-12-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Il dialogo intenso e struggente di una donna verso l'uomo che ama e che sarà a destinato ad un destini tragico!
Il romanzo vale la pena di essere letto anche solo per le ultime righe relative al potere! Una "perla" letteraria senza pari!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Alekos, 02-12-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Cio che opprime veramente l'individuo non sono i regimi totalitari ne i fanatismi religiosi ne le multinazionali ne i media. Chi opprime realmente l'uomo è il potere in qualunque forma si presenti. Contro di esso non si può vincere, si può solo lottare pur sapendo che non vi è speranza. Alekos lo sapeva e ha lottato. Tutta la vita. Con tutta la sua immensa forza. Ha lottato contro ogni forma di potere, anche quello, a volte dolce, dell'amore. Ha lottato sapendo di dover soccombere. Un uomo non può fare altro, non può fare di più. Da morto è un eroe, da vivo era UN UOMO.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Viva la verità, 01-12-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Ho impiegato del tempo a portare a termine la lettura di questo libro, non perchè non sia scorrevole, anzi è ben scritto e molto accattivamente. Ho impiegato del tempo perchè dovevo pagina per pagina assimilare ciò la scrittrice puntigliosamente ricordava e quindi scriveva della sua vita insieme ad Alexos, resistente della tirannia in Grecia e per questo dapprima catturato, torturato e incarcerato ed alla fine ucciso sia dalla parta politica che lo sosteneva e sia da chi lo temeva. Ritengo questo libro una grande prova di vita e d'amore della signora Fallaci per il coraggio che ha dimostrato nel vivere accanto ad un uomo perennemente costretto a guardarsi alle spalle e perchè nonostante le minacce è riuscita a portare a termine un bel romanzo. Da leggere.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Un uomo, 25-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Il romanzo più crudo che abbia mai letto ma anche uno dei miei preferiti. Inizialmente non riuscivo ad andare oltre le 50 pagine, ma badate no perchè fosse noioso ma perchè le torture sono descritte in maniera così minuziosa da mettermi addosso un'inquetudine e pensavo al dolore che deve aver provato Alekos Panagulis, un uomo che si è battuto ed è morto per la libertà. Un GRANDE UOMO.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Un uomo, 07-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
"Affermare che noi siamo gli unici artefici della nostra esistenza è follia: se neghi il destino, la vita diventa una serie di occasioni perdute, un rimpianto di ciò che non è stato e avrebbe potuto essere, un rimorso di ciò che non si è fatto e avremmo potuto fare, e si spreca il presente rendendolo un'altra occasione perduta"
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Un uomo (26)