€ 11.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Il sistema periodico

Il sistema periodico

di Primo Levi

4.0

Prodotto momentaneamente non disponibile

Note su Primo Levi

Primo Levi (Torino, 1919-1987) è stato uno scrittore e partigiano italiano. Nato in una famiglia di origine ebraiche abbastanza benestante, dopo aver concluso gli studi liceali si iscrive a Chimica presso l’Università di Torino nel 1937. Le leggi razziali del 1938 impediscono l’accesso all’università agli studenti ebrei, ma consentono a quelli già iscritti di proseguire gli studi. Nel 1941 si laurea quindi con lode, ma le sue origini ebraiche e la guerra in pieno svolgimento rendono molto ardua la ricerca di un lavoro. Dopo essersi trasferito a Milano per cercare un impiego, entra in contatto con ambienti antifascisti e comincia la sua attività di partigiano.
Il 13 dicembre 1943 in Val d’Aosta viene arrestato dai fascisti e deportato prima a Fossoli e poi ad Auschwitz. Qui, grazie alla sua conoscenza della lingua tedesca e alle sue competenze scientifiche, dopo qualche tempo Levi viene assegnato al lavoro in un laboratorio chimico. Questa circostanza fortuita, che permette condizioni di vita meno disumane rispetto a quelle dei prigionieri che svolgono lavori forzati all’aperto, gli consente di sopravvivere fino al 27 gennaio 1945, giorno in cui l’Armata Rossa entra nel campo di concentramento, liberando i pochi sopravvissuti.
Appena tornato in Italia, ancora convalescente per le sofferenze patite e le malattie contratte, si dedica alla scrittura di Se questo è un uomo, capolavoro della letteratura mondiale e sconvolgente testimonianza della sua esperienza dell’Olocausto. In un primo momento il libro viene rifiutato sistematicamente da tutti gli editori e, una volta pubblicato da una casa editrice minore, trova comunque scarsa eco.
Levi si dedica quindi alla professione di chimico finché nel 1956 Einaudi decide di ripubblicare il libro, che incontra un immediato successo. Incoraggiato dall’interesse suscitato dalla sua straordinaria opera di testimonianza, Levi riprende a scrivere, dando così alla luce La tregua, intensa narrazione del suo viaggio di ritorno in Italia dopo la reclusione ad Auschwitz.
A partire dagli anni Settanta, il pensionamento gli consente di dedicarsi a tempo pieno alla letteratura. Vengono così dati alle stampe altri grandissimi successi come Il sistema periodico, La chiave a stella e I sommersi e i salvati. Il suo stile sempre asciutto e analitico, anche e soprattutto nell’analisi degli abissi della malvagità umana, resta un esempio insuperato di purezza ed efficacia linguistica.
Primo Levi muore cadendo nella tromba delle scale di casa l’11 aprile 1987, lasciando per sempre il dubbio se si sia trattato di malore o suicidio.

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Primo Levi:


Voto medio del prodotto:  4.0 (4.2 di 5 su 11 recensioni)

4.0Il sistema periodico, 23-05-2012, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
"Il sistema periodico" è una raccolta di racconti scritta da Levi nella metà degli anni '70; sono contenuti molti e diversi temi, che formano però la vita dell'autore stesso: dalla professione di chimico e le sue prime esperienze lavorative in questo ambito, all'esperienza drammatica nei lager nazisti.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Dei racconti magistrali, 27-04-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Libro splendido, che ho particolarmente amato da giovane chimico quale sono. Mi ha fatto pensare su molte cose, in particolare sull'idea (molto diffusa) che il mondo ed il vivente in particolare possano essere solo opera del caso. Basterebbe leggere l'ultimo racconto, "Carbonio", per porsi qualche questione in merito. Bellissima la maniera in cui Levi chiude questo racconto e, con esso, il libro.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Il sistema periodico, 08-08-2011, ritenuta utile da 3 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Questo libro si compone di 20 episodi tanti sono gli elementi della tavola periodica a cui allude il titolo, episodi in gran parte autobiografici, quasi tutti scritti da Primo Levi nella piena maturità. Sono soprattutto ricordi di gioventù: di studente prima e, poi, di esperto chimico; pochi qui i riferimenti al suo passato nei campi di concentramento di "Se questo è un uomo".
Primo Levi aveva soprattutto una mente pensante, scientifica, curiosa, pratica, ma anche un cuore poetico.
La sua scrittura è piana, sintetica e semplice: riesce a comunicare, con grande compostezza e dignità, il suo entusiasmo e la sua passione, che gli hanno permesso di rimanere fedele alla vera nobiltà dell'Uomo, acquisita in cento secoli di prove ed errori, consistita nel farsi signore della materia.
E solo chi può scorgere nel sistema periodico di Mendeleev una poesia più alta e solenne di tutte le poesie, può esprimersi con tanta appassionata lucidità e trasmettere con tanta sensibilità l'amore per la materia, per la natura e per l'Uomo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0La chimica accompagna Primo Levi, 07-07-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Come tutti sanno Primo Levi fu deportato ad Auschwitz e, come egli stesso scrive, la sua professione di chimico gli salvò la vita nella fase di smantellamento del campo da parte dei tedeschi. In questo libro, partendo dalla Tavola periodica di Mendeleev, Levi racconta episodi significativi della sua vita ciascuno legato ad un elemento chmico differente mostrando come la chimica abbia profondamente influenzato la sua vita ed offrendo a noi alcuni spunti di riflessione.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Il sistema periodico, 01-04-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Conoscendo, come quasi tutti, credo, l'autore Primo Levi se devo essere sincero, credevo fosse un libro piu appassionante... Però... Nonostante il titolo, la chimica è di contorno e tutto è basato sulla vita dell'autore!
Quindi credo sia a tutti gli effetti un'autobiografia, unica nota positiva lo stile lineare di levi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Persone ed elementi, 05-01-2011, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Le caratteristiche degli elementi chimici menzionati offrono lo spunto per elaborare brevi racconti, nei quali le vicende umane vengono narrate con la consueta profondità che ci ha fatto apprezzare altre opere di Primo Levi. Chi ha interesse per la chimica non può non leggerlo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Buon libro, 28-12-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Molti degli elementi della tavola periodica danno spunto per la narrazione di vicende dell'autore, che di mestiere faceva il chimico. Egli ha utilizzato le sue conoscenze scientifiche per sopravvivere all'interno del lager, per trovare lavoro in una fabbrica di rossetti del difficile periodo del dopoguerra, per risolvere misteri da libro giallo, per riallacciare legami con vecchi compagni di studi... Pur essendo una lettura poco impegnativa, il libro è piacevole e godibilissimo, pur offrendo interessanti spunti di riflessione.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Il sistema periodico, 28-10-2010, ritenuta utile da 5 utenti su 6
di - leggi tutte le sue recensioni
Straordinario libro di racconti; la vicenda personale di un uomo, a partire dai suoi antenati, alla giovinezza, alla maturità, raccontata attraverso gli elementi della tavola periodica degli elementi.
Primo Levi è lucido ed intelligente come sempre, come pochi altri scrittori sono stati capaci di esserlo.
Vi si trova, tra l'altro, un elogio dell'impurezza, attualissimo in un momento in cui ritornano forti le tentazioni razzistiche:
"Perché la ruota giri, perché la vita viva, ci vogliono le impurezze, e le impurezze delle impurezze, anche nel terreno, come è noto, se ha da essere fertile. Ci vuole il dissenso, il diverso, il grano di sale e di senape: il fascismo non li vuole, li vieta, e per questo tu non sei fascista; vuole tutti uguali e tu non sei uguale. Ma neppure la virtù immacolata esiste, o se esiste è detestabile."
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0La chimica, 21-10-2010, ritenuta utile da 2 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
Libro autobiografico costituito da una serie di avvenimenti e vicissitudini personali ognuna delle quali viene avvicinata a un elemento del sistema periodico!Carico di sentimenti questo libro ti porta ad assaporare la materia partendo dalle semplici vicende di un uomo, nonostante ciò risulta essere un po' noioso!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Chimica e poesia , 30-09-2010, ritenuta utile da 3 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Ventuno racconti, ciascuno dei quali ha come titolo il nome di un elemento del Sistema periodico collegato, direttamente o per analogia, a un particolare avvenimento della vita dello scrittore, dalla giovinezza alla maturità.
Materia e vita così si fondono indissolubilmente in queste storie, osservate dalla curiosità dello scienziato e interiorizzate dalla cultura e dalla sensibilità dell’uomo.
La scrittura di Primo Levi è lineare e logica, priva di ricercatezze stilistiche e apparentemente senza peso, ma in realtà è profondamente evocativa e ricca di intense suggestioni, capace di divertire, stupire, commuovere con il lampo della poesia in una riflessione o una rivelazione inattesa.
Splendido.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Non solo il Lager, 12-07-2010, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Un'agile autobiografia in forma di racconti, ognuno dei quali narra una fase della vita, ognuno dei quali ruota attorno ad un ricordo evocato da un elemento chimico, quegli stessi elementi presenti sulla Tavola periodica di Mendeleev che l'autore, chimico prima che scrittore, consultava nel lavoro quotidiano. Un inno alla dignità dell'uomo raggiunta attraverso il lavoro. Nell'ultimo racconto, "Carbonio", echi lucreziani. Lo stile è quello classico, cui levi ci ha abituati.
Ritieni utile questa recensione? SI NO