Montedidio

Montedidio

4.0

di Erri De Luca


  • Prezzo: € 11.88
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 

Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

Chi salirà nel monte di Dio? Chi ha le mani innocenti e il cuore puro. Un quartiere di vicoli a Napoli: Montedidio. Un ragazzo di tredici anni va a bottega da Mast'Errico, il falegname. E' l'inizio della sua vita nuova, la vita che a sera, a casa, in una casa vuota per l'assenza del padre e per la malattia della madre, il ragazzo va scrivendo su una bobina di carta avuta in regalo dal tipografo di Montedidio. Ha anche un altro regalo, che porta sempre con sé, un "bùmeran", un legno nato per volare che il padre ebbe a sua volta da un marinaio di passaggio. Così passano i giorni: Mast'Errico gli insegna il mestiere e Don Rafaniello, uno scarparo che Mast'Errico tiene ospite a bottega, gli insegna a pensare sugli uomini e sulle cose.

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Erri De Luca:


Dettagli del libro


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Montedidio e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 13 recensioni)

4.0Un bellissimo romanzo di formazione, 15-01-2015
di - leggi tutte le sue recensioni
Che bel libro! Brevi immagini di un bambino che sta diventando uomo, forse troppo presto. I genitori sono assenti, quindi altri adulti gli servono come guide o angeli in un mondo che è ostile ai bambini. Ad esempio Rafaniello, calzolaio ebreo la cui gobba nasconde le ali: uno di quei personaggi amabili, che restano impressi a lettura terminata. Nel bambino senza nome protagonista si nasconde una rabbia feroce, una violenza che è una novità per lui e che cresce insieme ai muscoli e al corpo. È uno di quei libri che non vanno bene per una lettura veloce, dato che la scrittura ti costringe ad assaporare ogni pagina, ogni parola.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Intenso romanzo di crescita, 15-01-2015
di - leggi tutte le sue recensioni
Che bel libro! Brevi immagini di un bambino che sta diventando uomo, forse troppo presto. I suoi genitori sono assenti, quindi altri adulti gli servono come guide o angeli, in un mondo che è ostile ai bambini. Come ad esempio Rafaniello, calzolaio ebreo la cui gobba nasconde le ali: uno di quei personaggi amabili che restano impressi a lettura terminata. Nel bambino senza nome protagonista si nasconde una rabbia feroce, una violenza che è una novità per lui e che cresce insieme ai muscoli e al corpo. È uno di quei libri che non vanno bene per una lettura veloce, dato che la scrittura ti costringe ad assaporare ogni pagina, ogni parola.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Echi Eduardiani , 23-10-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Poesia pura. La Napoli di Eduardo che rivive nella voce di un adolescente che vi si affaccia giorno per giorno. Fa bene
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Da leggere , 07-05-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
E' uno dei migliori libri che mi sono mai stati consigliati a scuola. A me difficilmente piace lo stile di Erri De Luca, ma in questo titolo riesce attraverso la crescita di un ragazzino napoletano ad accendere la luce su alcuni temi molto importanti. L'autore come al solito non scrive un libro molto lungo ma sicuramente molto intenso.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Napoli riempie il libro, 25-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
E' un libro particolare, degno di nota e mi ha fatto rivalutare tantissimo la narrativa italiana contemporanea, Erri è un autore di quelli preziosi, in ogni suo libro si può notare una ricerca della parola che non è il barocco baricco (e mi perdonino i suoi estimatori) ma è un tentativo di dare alle parole la giusta forma e il giusto peso anche nel mezzo di una frase dove altrimenti rischierebbero di perdersi. L'intreccio è semplice ma proprio per questo scorre via permettendo di lasciarsi andare ai pensieri di un ragazzino che scrive sulla carta igenica perchè non ha i soldi per la carta vera e propria, dove registra la sua vita e i suoi pensieri in una Napoli degli anni cinquanta, come lo stesso Erri durante l'intervista ha detto "una napoli che cercava di essere cosmopolita, con i militari americani che scendevano in città ed immigrati di ogni regione e di ogni nazione che si affacendavano attorno al porto cercando di ricostruirsi una vita"; di certo ci sono altri libri suoi da consigliare ma questo in particolare. (come nota inserisco il fatto che Erri continua a smentire che il libro sia anche solo minimamente autobiografico "Di personale ci ho messo solo i colori e i sapori di Napoli" ha detto... Ma continuo a crederci poco! )
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Montedidio, 10-08-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Ogni tanto fa bena leggere De luca, ti riporta a uno stile classico che oggi sta scomparendo, due pennellate ed eccoci a Napoli. Momento imprecisato, ma non molto dopo la fine della guerra. "Chi salirà nel monte di Dio? Chi ha le mani innocenti e il cuore puro. " Un quartiere di vicoli a Napoli: Montedidio. Un ragazzo di tredici anni va a bottega da Mast'Errico, il falegname. E' l'inizio della sua vita nuova, la vita che a sera, a casa, in una casa vuota per l'assenza del padre e per la malattia della madre, il ragazzo va scrivendo su una bobina di carta avuta in regalo dal tipografo di Montedidio. Ha anche un altro regalo, che porta sempre con sé, un "bùmeran", un legno nato per volare che il padre ebbe a sua volta da un marinaio di passaggio. Così passano i giorni: Mast'Errico gli insegna il mestiere e Don Rafaniello, uno scarparo che Mast'Errico tiene ospite a bottega, gli insegna a pensare sugli uomini e sulle cose. Un fanciullo che cresce. Piccole sensazioni. Un'umanità che tira a campà, ma che non si dimentica dell'altro. Un po' controllata dal mastro falegname (Enrico?). Nozioni di linguismo incrociato (si riflette sulle arance napoletane chiamate portualle e quelle mediorentiali dette al-purtugal). Però alla fine scivola come sabbia tra le dita.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Montedidio, 25-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Iniziare e finire una sua opera è sempre un'esperienza speciale per me. La realtà sotterranea, quella che nutre e dà alimento alla vita lui te la cava fuori dalla terra per mettertela in mano e mostrartela. Non so quanti scrittori siano in grado di far questo attraverso una mescolanza così riuscita di poesia e di prosa. Perché è così: nei suoi libri non sai dove finisce una e inizia l'altra.
'Montedidio' , che è uno dei suoi libri più belli, ti riempie l'anima ad ogni pagina, e ti spinge a voler sapere di più anche della tradizione yiddish, ché Rafaniello da quella è mutuato.
De Luca narra di realtà perdute, di tempi trascorsi, di quel che è stato, ma ancora e sempre è. Infatti, se fosse solo una narrazione del passato, non ci toccherebbe tanto.
Lui è, come mast'Errico, un ebanista delle parole; un artigiano che lavora con lentezza, uno che non è ossessionato dalla lunghezza, ma dalla clorofilla delle lettere e dalla linfa del significato.
Un esempio, decisamente, per riacquistare, in questo mondo prolisso e sovrabbondante, l'essenzialità e la sobrietà della natura vera e viva delle cose.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Montedidio, 21-02-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Magnifico, come in tutte le sue altre produzioni. Una adolescenza napoletana a fine anni cinquanta, quasi un controcanto a "Ferito a morte".
Erri de Luca ci conduce con mano leggera e poetica tra i meandri di Montedidio, quartiere nel cuore di Napoli, passando tra l'amore e la morte. Si prende un adolescente e ci restituisce un uomo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Montedidio, 31-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Un capolavoro di umanità, di sottile ,fine, delicata attenzione alla sensibilità umana.
In ogni pagina, brevi, intense pagine, ho fatto delle pause. Per pensare, assaporare,riflettere apprezzare, asciugare lacrime.
Un altro libro che ho voglia di rileggere con la matita in mano.
L'ho letto dopo "il giorno prima della felicità" che molti estimatori di De Luca hanno trovato troppo commerciale; eppure in queste pagine trovo la stessa matrice di quei bassi, la stessa filosofia di vita che soprattutto è attenzione al genere umano.
Sono entusiasta.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Chi salirà nel monte di Dio?, 21-10-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Il miglior scrittore italiano esistente, anzi no, il miglior poeta! Erri de Luca fa sognare, anche nella miseria ti regala una ricchezza profonda, ti dona "allegria, aria nell'ossa, un'allegria di volatore" e ti fa volare con ossa leggere, cave come quelle degli uccelli che si sollevano in aria grazie alla leggerezza della gioia. Stupendo!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Intenso e poetico, 20-09-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Breve romanzo scritto come una favola moderna. Il mondo visto con gli occhi ingenui e sognanti di un adolescente che vive in un quartiere povero di Napoli e che ha come amici una coetanea ed un vecchio ciabattino ebreo di origini nordiche. Onirico e fiabesco, lancia un messaggio di ottimismo sulla possibilità di poter trasfigurare la triste realtà e costruire un mondo parallelo più degno e vivibile.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0diventare grandi, 12-08-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
immagini poetiche, come quella del "volare" che segna il "passaggio", sia quello del boomerang o il volo dell'amico calzolaio con le ali nella gobba, raccontano il divenire adulto di un ragazzino che vive in una Napoli difficile, ma bella, dove la gente è povera, ma di gran cuore e sa essere felice con quel che ha.
un libro dolce, ma anche duro, come quando l'infanzia si scontra con la realtà.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Montedidio (13)