€ 9.40€ 10.00
    Risparmi: € 0.60 (6%)
Disponibilità immediata Metti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Il mondo di ieri. Ricordi di un europeo

Il mondo di ieri. Ricordi di un europeo

di Stefan Zweig

4.5

Disponibilità immediata
  • Editore: Mondadori
  • Collana: Oscar classici moderni
  • Traduttore: Mazzucchetti L.
  • Data di Pubblicazione: febbraio 1994
  • EAN: 9788804381129
  • ISBN: 8804381124
  • Pagine: 364

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Il mondo di ieri. Ricordi di un europeo acquistano anche L' amante giapponese di Isabel Allende € 15.30
Il mondo di ieri. Ricordi di un europeo
aggiungi
L' amante giapponese
aggiungi
€ 24.70

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Stefan Zweig:


Voto medio del prodotto:  4.5 (4.7 di 5 su 3 recensioni)

5.0Il respiro del tempo, 06-08-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro capace di ricreare la particolare atmosfera che si respirava al crepuscolo dell'Impero Austroungarico, un regno che sembrava eterno grazie alla longevità del suo imperatore, un mondo in cui tutto sembrava sicuro e immutabile, ma che, proprio a causa di queste certezze, arriva alla sua fine senza accorgersene e quindi senza potervi porre rimedio.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Il mondo di ieri., 19-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
La fine dell'impero austro-ungarico al potere, un mondo scintillante al tramonto. Una grande rassegna sulla storia dell'Europa vissuta da dentro, pagine strazianti sulla guerra, sulla natura umana, sul distacco e lestraneit di chi si sente staniero dappertutto. Da leggere per emozionarsi e imparare.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Zweig, 25-09-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Il mondo di ieri è quello vissuto da Zweig - nato del 1881 - fino al "diluvio universale" del 1939: c'è una componente autobiografica, certo, in questo splendido libro, ma l'oggetto osservato e raccontato è, per l'appunto, il mondo cangiante in un'epoca lunga contrassegnata da luci e scurissime ombre - soprattutto una guerra passata ed una che, dopo tetri preludi, sta scoppiando nel momento in cui ha termine la narrazione. Zweig, austriaco ed ebreo, assai provato dagli eventi, finisce poi il libro nel 1942 e due settimane più tardi, all'età di sessantun anni, pone fine ai suoi giorni. Il mondo di ieri è la sua testimonianza, il suo lascito all'umanità.
Ritieni utile questa recensione? SI NO