€ 7.00
Disponibile in 3/4 giorni lavorativi

Disponibile in altre edizioni:

Mendel dei libri
Mendel dei libri(2016 - brossura)
€ 6.90
Disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Mendel dei libri
Mendel dei libri(2020 - brossura)
€ 4.90
Disponibile in 3/4 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
Mendel dei libri

Mendel dei libri

di Stefan Zweig

  • Editore: Adelphi
  • Collana: Biblioteca minima
  • Traduttore: Vigliani A.
  • Data di Pubblicazione: maggio 2008
  • EAN: 9788845922749
  • ISBN: 884592274X
  • Pagine: 53
  • Formato: brossura
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Trama del libro

La storia di un uomo che forse non ha letto tutti i libri, ma che tutti li conosce. Il sovrano di un mondo parallelo - un mondo di carta.

I libri più venduti di Stefan Zweig

Vedi tutti

Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Mendel dei libri e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.5 (4.6 di 5 su 5 recensioni)

4Lascia un segno particolare, 08-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
L'atmosfera austriaca è coinvolgente, ma credevo di provare più empatia per lo strambo personaggio protagonista, detto Mendel dei libri per la sua incredibile conoscenza di ogni libro esistente, che passa le sue giornate a leggere in un caffè viennese, astenendosi dal mondo. Ma lo scrittore scrive benissimo, quindi la quarta stella ci sta, penso che leggerò altro di suo!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Mendel dei libri, 11-08-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Mi ha ricordato gli apologhi ebraici così tipici di un Joseph roth: Jakob Mendel, ebreo galiziano che procura e rivende libri d'ogni genere, è l'immagine di Zweig, il suo alter ego. Come lui ebreo, come lui profondamente amante della cultura e dei libri, anche Zweig dovrà affrontare a breve ed in questo senso questo racconto può davvero dirsi profetico, essendo stato scritto nel 1929 la distruttiva follia della brutalità di certa natura umana.
Il personaggio di Mendel, prodigiosa memoria dei libri e di tutto ciò che li riguarda, viene riportato paradossalmente alla luce dall'oblio in cui era finito nella mente del narratore, a distanza di venti anni dalle vicende narrate. Da una dimenticanza, quindi, nasce il ricordo di una memoria, di un attaccamento morboso alla parola scritta e alla trasmissione della cultura per opera di quella cosa meravigliosa che sono i libri, che secondo Zweig si fanno solo per legarsi agli uomini al di là del nostro breve respiro e per difendersi così dall'inesorabile avversario di ogni vita: la caducità e l'oblio.
Rivive Jakob Mendel nella memoria del narratore e torna al mondo che lo aveva presto e facilmente dimenticato col suo misero cappotto, seduto al suo tavolino in un angolino del caffè, mentre legge i suoi cataloghi dondolando il corpo avanti e indietro come in una preghiera ebraica.
Dopo la guerra, il mondo non sarà più lo stesso, e nemmeno Jakob Mendel sarà più lo stesso; la storia aveva sconvolto i suoi libri, ignorando che sono proprio i libri a darci una chance di salvarci dal mondo. Come Peter Kien, come gli uomini-libro di Fahrenheit 451, anche Mendel è un disperato superstite di quel mondo fatto di cultura e astrazione, il mondo vagheggiato come un paradiso perduto, che la brutalità e la follia delle nazioni hanno per sempre distrutto. Un superstite destinato a soccombere miseramente.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Mendel dei libri, 19-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Breve ed intenso.
La stupidità e l'atrocità della storia rese al meglio nel confronto con l'unicità di mendel e del suo furore per i libri.
Davvero bello.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Mendel dei libri, 11-11-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Un bibliomane ebraico dall'enciclopedica cultura libridinosa, Mendel dei libri, viene strappato ai suoi amati testi e al suo caffe' viennese durante
la prima guerra mondiale. Rivivra', molti anni dopo, nella memoria del narratore, perche' "i libri si fanno solo per legarsi agli uomini al di la'
del nostro breve respiro e difendersi cosi' dall'inesorabile avversario di ogni vita: la caducita' e l'oblio".
Nostalgico
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Mendel dei libri, 28-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Il libello propone mezz'ora di lettura, e il personaggio in questione ne esce a cavallo di una manciata di neuroni di proprietà del lettore, con l'intenzione di accompagnarli a lungo nelle loro evoluzioni. Molto a lungo.
Indimenticabile.
Ritieni utile questa recensione? SI NO