€ 7.12€ 7.50
    Risparmi: € 0.38 (5%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Disponibile in 3/4 giorni lavorativi

Disponibile in altre edizioni:

Lettera di una sconosciuta
€ 9.50 € 10.00
Disponibilità immediata solo 3 pz.
Lettera di una sconosciuta
€ 5.60 € 7.00
Disponibile in 3/4 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
Lettera di una sconosciuta

Lettera di una sconosciuta

di Stefan Zweig

  • Editore: Edizioni Clandestine
  • Collana: Highlander
  • Traduttore: Kolbe C.
  • Data di Pubblicazione: aprile 2019
  • EAN: 9788865968192
  • ISBN: 8865968192
  • Pagine: 95
  • Formato: brossura
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Trama del libro

"A te, che mai mi hai conosciuta", questo l'inizio di una lunga lettera, colma di delusione e sconforto, con cui un affascinante romanziere viennese scopre di essere stato, per quindici anni, oggetto di un amore puro e incondizionato. La protagonista, che mai rivela la propria identità, decide di scrivergli a seguito della morte del figlio, quando la solitudine diviene così insopportabile da costringerla a sfogare il suo dolore con l'unico uomo che lei abbia mai amato. Un racconto di speranza e delusione, che parte dalla venerazione infantile, colma di sguardi fugaci e lunghe e vane attese, per divenire un sentire tormentato e passionale, un'ossessione a cui non può sfuggire. Riuscirà ella ad appagare il solo desiderio da sempre nutrito, quello di essere da lui, almeno una volta, riconosciuta? Il ritratto di una donna appassionata e colma di vitalità, le cui parole trascinano il lettore nei vortici di un sentimento che pochi sono destinati a provare e a riconoscere.

I libri più venduti di Stefan Zweig

Vedi tutti

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano Lettera di una sconosciuta acquistano anche Il vizio di smettere di Michele Orti Manara € 13.30
Lettera di una sconosciuta
aggiungi
Il vizio di smettere
aggiungi
€ 20.42

Voto medio del prodotto:  4 (4.1 di 5 su 7 recensioni)

4Storia breve e fulminante, 22-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un amore assoluto, globale, incondizionato, che domanda solo di essere riconosciuto dall'inconsapevole amato, rivelato in una lunga e struggente lettera composta prima di morire, in lacrime, accanto al letto di morte del pargolo. Poche pagine per raccontare un amore immaginifico, ostinato, quasi irreale, ma la scrittura di Zweig rende tutto credibile e assolutamente emozionante.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Lettera di una sconosciuta, 05-08-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Zweig è uno dei grandi scrittori austriaci di fine impero, per intenderci apparteneva alla generazione dei Musil e degli Hofmannsthal. Questo si legge in poco tempo e lascia dentro, impalpabile ma densa, una sensazione di disfatta della Ragione quasi immorale; un senso di sacrificio che, con i dovuti distinguo, mi hanno fatto ripensare a 'Le onde del destino'; una ammirazione forte per la capacita' di Z. Di saper ricreare tutto cio' in un racconto lungo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3Il fantasma di un amore , 06-12-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Un bel giorno, un noto scrittore austriaco (lo stesso Zweig? Nella finzione è probabile) , con la posta riceve una lettera di una giovane donna che gli dice che sarà morta nel momento in cui lui si accingerà a leggere questa sua lunga missiva, nella quale lei gli confessa e racconta il suo fortissimo, assoluto sentimento d'amore e devozione che lei ha provato per lui sin dall'infanzia e per tutta la vita. E anche dopo, s'intuirà in un finale molto poetico.
Il fortunato destinatario di questo amore è, si è detto, un famoso scrittore, scapolo impenitente, pieno di amici e, soprattutto, di "amiche", fra cui, in tempi diversi, anche questa sconosciuta donna innamorata di cui, però, con grande dispiacere di lei, mai si è accorto e, quindi, ha riconosciuto essere la bambina che abitava nell'appartamento dirimpetto al suo, e, successivamente, la giovane ragazza con cui aveva passato la notte dieci anni prima e, en passant, aveva fatto anche un figlio ora purtroppo morto e del quale non gli aveva mai resa nota la nascita. Per lui, lei era una delle tante, come si suol dire, con cui avere un'avventura e di cui non era stato nemmeno necessario conoscere il nome. Non sarà neanche stato necessario ma molto improbabile direi! E se lei non voleva rivelarsi e farsi riconoscere (ma per tutto il lungo racconto non sembra desiderar altro che l'esatto contrario! ) , avrebbe potuto dare almeno un nome fasullo!
Ma è inutile discutere e argomentare: gli scrittori, non son tenuti a scrivere come vorremmo noi! Ciò non toglie che certi comportamenti dei due i protagonisti non sembrino del tutto giustificati e realistici, il che, significa incongruenti sul piano narrativo. A parte questo possibile appunto, il testo è ben scritto (avrebbe potuto essere altrimenti, trattandosi di Zweig? ) e la storia è commovente al punto giusto, ossia senza essere strappalacrime a comando.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5L'amore ad ogni costo, 04-12-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Gli amori contrastati hanno riempito per secoli le pagine pi belle della letteratura, l'irrealizzazione dell'amore nutre il sentimento e lo fa crescere a dismisura, facendolo distaccare dalla realt... Come non apprezzare questo libricino in cui l'amore é mostrato nel suo lato pi straziante ed intenso, unilaterale e pertanto assoluto...
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Lettera di una sconosciuta, 15-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Anche se all'apparenza semplice, dentro ci sono parecchi temi (almeno così a me sembra e anche se so che molti non amano queste riduzioni analitiche) : la solita finis Austriae, il parallelismo tra l'eroina romantica e il dandy, come dire due metà secolo
( l'Ottocento) l'un contro l'altra armata e soprattutto l'esistenzialistica incompatibilità tra chi fa una scelta assoluta e per sempre e chi sceglie di non scegliere.
L'amore assoluto rende per sempre puri: la dedizione che fa vivere per un altro tutta la vita, rende impossibili l'ipocrisia, l'immoralità e la colpa: qualunque cosa si faccia si fa restando immacolati. Dall'altra parte invece, non amando, si consuma la vita dimentichi degli altri e di se stessi ( l'amato non ricorda neanche il giorno del suo compleanno, l'amante sconosciuta lo festeggia tutti gli anni) , ugualmente incolpevoli per forza di natura.
Zweig conferma di essere degno di stare tra i grandissimi della letteratura mitteleuropea del primo quarto del XX secolo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Lettera di una sconosciuta (7)


Ultimi prodotti visti