€ 30.00
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Beethoven. Filosofia della musica

Beethoven. Filosofia della musica

di Theodor W. Adorno

5.0

Fuori catalogo - Non ordinabile
  • Editore: Einaudi
  • Collana: Biblioteca Einaudi
  • Traduttore: Lamberti L.
  • Data di Pubblicazione: ottobre 2001
  • EAN: 9788806137458
  • ISBN: 880613745X
  • Pagine: XII-287
I primi testi adorniani su Beethoven risalgono al 1934, i primi progetti di un volume sul compositore al 1937, i primi appunti all'anno successivo. Ma, nonostante i buoni propositi, il libro non fu mai portato a termine, anzi non fu mai iniziata nemmeno la stesura vera e propria, probabilmente causa delle difficoltà che l'opera beethoveniana nel suo complesso poneva al filosofo. Il presente volume comprende quindi tutti i prolegomena, gli appunti, le rare parti di testo elaborate. Sono frammenti di un lavoro che pur non condotto a termine, tuttavia accompagnò Adorno per quasi quarant'anni, dalle prime fasi dell'esilio, alla California, alla Guerra e infine al ritorno in Germania.

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Theodor W. Adorno:


Voto medio del prodotto:  5.0 (5 di 5 su 1 recensione)

5.0Dialettica dell'incompiuto., 02-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Come tutti i testi incompiuti, proprio qui si possono ritrovare le tracce di tutto il pensiero di Adorno, musicologo e filosofo musicale.
E' un testo difficile perché è una raccolta di pensieri e frammenti, stringati, sintetici, talvolta incompleti.
Quello di comporre un testo di filosofia musicale su Beethoven è un progetto che Adorno ha caldeggiato per tutta la vita.
Questa incompletezza dei suoi frammenti di tutta una vita è per molti la riprova della complessità della posizione di Beethoven nel panorama della storia della musica.
Particolarmente intensi i capitoli sulla Missa Solemnis un'opera, secondo Adorno inclassificabile.
E' sullo stile tardo di Beethoven che emerge più che altrove la maestria tecnica e l'acuta intuitività da compositore di Adorno che come tutti i compositori seriali molto deve all'ultimo Beethoven.
Da leggere e rileggere.

Ritieni utile questa recensione? SI NO