€ 4.75€ 9.50
    Risparmi: € 4.75 (50%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi

Disponibile in altre edizioni:

Stupid white men
€ 14.00 € 7.00
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Stupid white men

Stupid white men

di Michael Moore


Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
  • Editore: Mondadori
  • Collana: Piccola biblioteca oscar
  • Traduttori: Brugnatelli E., Colombo M.
  • Data di Pubblicazione: settembre 2004
  • EAN: 9788804539070
  • ISBN: 8804539070
  • Pagine: 311
  • Formato: brossura

 Questo prodotto appartiene alla promozione  Remainders -50%
Ricevendo l'Oscar 2003 per "Bowling a Columbine" Michael Moore ha pronunciato un discorso fortemente polemico nei confronti della politica statunitense e della guerra che gli Stati Uniti hanno mosso all'Iraq. In questo volume il regista offre un ritratto impietoso del suo Paese, molto diverso dalle oleografie ufficiali fatte di supremazia tecnologica e prosperità diffusa, attaccando in modo diretto e irriverente la giunta Bush, svelando truffe elettorali e connivenze dei giudici.

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Stupid white men acquistano anche La giusta misura di Anselm Grün € 19.00
Stupid white men
aggiungi
La giusta misura
aggiungi
€ 23.75


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Stupid white men e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  3.0 (3 di 5 su 2 recensioni)

5.0Un malloppo d'informazioni, 09-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
anzi una miniera. Ho letto l'altra recensione ma ridurre a un h il valore di un'opera mi sembra esagerato. tornando al libro è quello più sfaccettato e vario di Moore che dà uno spaccato anzi tanti dell'America contemporanea e delle sue magagne.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
1.0Stupid white men, 14-07-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
È il terzo libro di Michael Moore, dove si descrive l'elezione di W. Bush come pilotata da parenti e amici sulla base di una ricca bibliografia riportata in appendice al libro. L'edizione italiana è pessima, basti dire che a pagina 35 si legge una preposizione scritta con l'acca come fosse verbo, roba da analfabetismo di ritorno.
Ritieni utile questa recensione? SI NO