€ 26.78€ 27.90
    Risparmi: € 1.12 (4%)
Attualmente non disponibile, ma ordinabile (previsti 15/20 giorni lavorativi)
Effettua l'ordine e cominceremo subito la ricerca di questo prodotto. L'importo ti sarà addebitato solo al momento della spedizione.
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come

Ne hai uno usato?
Vendilo!
Lo spirito della funzione fisiologica. L'anima di Edith Stein e Platone

Lo spirito della funzione fisiologica. L'anima di Edith Stein e Platone

di Vincenzo Nuzzo


Attualmente non disponibile, ma ordinabile (previsti 15/20 giorni lavorativi)
  • Editore: Loghìa
  • Data di Pubblicazione: settembre 2016
  • EAN: 9788895122380
  • ISBN: 8895122380
  • Pagine: 170
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

La conoscenza medica, empirista e sperimentalista, ha permesso il progresso della tecnologia bio-medica, ma ha portato ad una restrizione della capacità di comprendere in profondità l'uomo quale paziente; con gravi ricadute sulla prassi clinica e sulla ricerca diagnostico-terapeutica. Entrambe sempre più a rischio di disumanizzazione. Una delle cause sta nell'allontanamento della scienza medica dal sapere filosofico-metafisico che fino al Medioevo aveva accompagnato la formazione del medico. Da sempre i medici sono stati tra i principali filosofi, riconoscendo la natura animico-spirituale e la profondità umana quale livello direttivo di tutto ciò che nell'organismo è fisiologico. L'autore illustra tale tema al moderno lettore (medico, filosofo o in generale studioso dell'uomo) analizzando la riflessione di Edith Stein, contraria al paradigma empirista nella comprensione della psiche umana e del suo rapporto con il corpo. Il pensiero steiniano trova poi un punto di riferimento nel Timeo di Platone, che offre una lettura metafisica della fisiologia ed anatomia umane (microcosmo) e della loro correlazione con uno scenario macrocosmico.

Tutti i libri di Vincenzo Nuzzo