€ 11.40€ 12.00
    Risparmi: € 0.60 (5%)
Disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
Pulce non c'è

Pulce non c'è

di Gaia Rayneri

  • Editore: Einaudi
  • Collana: Super ET
  • Data di Pubblicazione: febbraio 2011
  • EAN: 9788806206567
  • ISBN: 8806206567
  • Pagine: 228
  • Formato: brossura
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Trama del libro

A raccontarci Pulce e il suo mondo speciale è la sorella Giovanna, con la sua voce ironica, candida, intelligente, divagante. Pulce è una bambina allegra, a cui piace infilarsi negli abbracci degli sconosciuti, stritolarti più forte che può. Quando un giorno, come tutti i giorni, mamma Anita va a prenderla a scuola, Pulce non c'è. "Provvedimenti superiori" hanno deciso che loro non sono più dei buoni genitori, e Pulce è stata portata nella comunità Giorni Felici. Anita e Giovanna possono farle visita una volta alla settimana, "sotto lo sguardo soldato di un'educatrice". Papà Gualtiero, invece, sua figlia non può vederla, perché su di lui grava una mostruosa accusa. Giovanna ha solo tredici anni quando comincia questa "storiaccia". È una ragazzina curiosa, con qualche tic nervoso e un gruppetto di amici immaginari. E proprio grazie alla sua immaginazione vispa e intelligente, alla sua potente capacità inventiva, Giovanna ci racconta senza retorica e senza patetismi lo scontro tra mondo adulto e infanzia, tra malattia e normalità, tra rigidità delle istituzioni e legami affettivi. Il suo sguardo singolare, il suo punto di vista spostato, ci fa vedere improvvisamente le cose, rende intellegibile ciò che anche gli adulti faticano a capire.

Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Pulce non c'è e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4 (4 di 5 su 11 recensioni)

3Un libro imperfetto, 13-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Il tema è pesante e malinconico e la scrittrice si sforza di affrontarlo in maniera originale, trasversale e ironica. E' la storia di una famiglia con una figlia mentalmente minorata. Il punto di vista è quello della figlia maggiore "normale", adolescente ancora ingenua per alcune cose, ma anche pensierosa e simpatica. Il motivo per cui ho assegnato tre stelline è che alla lunga la scrittura adolescenziale banalizza e appesantisce la storia fino a renderla tragicomica.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2Pulce c'è, 08-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Una scrittura raffazzonata, poco elaborata, ma neppure semplice. Il tema trattato è delicato e in alcuni momenti è ben argomentato, peccato che questi momenti siano pochi e sommersi da personaggi poco "visibili". Il personaggio di Pulce fa tenerezza è simpatico, quello della madre è insopportabile. Mi aspettavo più approfondimento sull'autismo e sono rimasta delusa
Ritieni utile questa recensione? SI NO
510 e lode, 29-04-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro scritto con il cuore umano; si sente che l'autrice ha vissuto la storia in prima persona e dalle sue parole traspaiono sincerità, emozione, amore... Io amo rivedere il mondo con gli occhi dei bambini ed in questo caso sembra davvero che l'autrice sia cresciuta senza invecchiare... Complimenti!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Dolce e delicato, 18-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Un romanzo dolce e delicato, che descrive la realtà cruda dei diversi attraverso gli occhi ingenui dell'infanzia, sempre ironico, mai "melodrammatico"...
Una bimba autistica che mai ti strappa lacrime ma solo sorrisi, una famiglia come tante, con i suoi difetti e pregi, una narratrice ironica e sorridente che racconta di un dramma famigliare dei nostri giorni.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Pulce non c'è, 14-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Giovanna ha 13 anni e una famiglia strana.
Una mamma con tante fissazioni, un padre burbero ma buono, e Pulce.
Che non parla, ma sa comunicare. Che beve solo Tamarindo. Che vede il mondo a modo suo, che è autistica ma non solo.
Che un giorno viene portata via perchè è stato deciso che la sua famiglia non va bene per lei.
Lo sguardo di questa tredicenne ancora bambina, con amici immaginari e fresche ignoranze sessuali, si snoda attraverso una vicenda surreale ma più vera del vero.
Eventi accaduti vengono sfumati sotto la lente dall'infanzia e appaiono così ancora più insensati, crudi, come carri armati mandati a spazzare via le cose familiari, le sicurezze, e anche quelle stranezze così intime.
Mescolando narrazione, pensiero, immaginazione, citazione, la Rayneri ci offre un desolante e tenero spaccato di storia italiana, perché storie come queste sono un pò di tutti noi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Pulce non c'è (11)