€ 6.50
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Primo premio: secchione dell'anno. Scuola marcia

Primo premio: secchione dell'anno. Scuola marcia

di Robert L. Stine


Fuori catalogo - Non ordinabile
  • Editore: Mondadori
  • Traduttore: Grassi L.
  • Data di Pubblicazione: 2007
  • EAN: 9788804570363
  • ISBN: 8804570369
  • Pagine: 115
Belzer è davvero un fallito? Solo perché indossa magliette con scritto 'Ho bisogno di un maestro privato e chiedetemi delle mie allergie?' O perché si gratta le croste dalle ginocchia e se le mangia? Anche i genitori di Belzer pensano che lui sia un fallito e vogliono ritirarlo dalla Scuola Marcia. Ma non hanno fatto i conti con Bernie... Ogni anno la signorina Heinie assegna il Premio Heinie allo studente modello della quarta, e Bernie Bridges vuole che Belzer vinca il premio. Così i suoi genitori dovranno lasciarlo alla Scuola Marcia. Ma anche Sherman Oaks vuole vincere il premio. La domanda è: riuscirà Bernie a fare il miracolo? Età di lettura da: 8 anni.

Note su Robert Lawrence Stine

Robert Lawrence Stine è nato a Columbus, nell’Ohio, l’8 ottobre del 1943. Cresciuto nella fattoria della famiglia, all’età di nove anni ha trovato nella soffitta una vecchia macchina da scrivere. Emozionato per la scoperta ha iniziato a scrivere. Nel 1965 ha conseguito la laurea presso la Ohio State University e, dopo gli studi, si trasferì a New York dove conobbe Jane Waldhorn, che divenne sua moglie. Assieme crearono la Parachute Press, una piccola casa editrice. Inizialmente l’autore scriveva libri comici per bambini, ma nel 1986, con il romanzo horror “Blind date”, ottiene un grande successo. Da questa prima opera horror iniziò a scrivere i volumi della collana La strada del terrore, che conta 100 libri. Nel 1992 iniziò a scrivere “Piccoli brividi” una serie di racconti horror che in breve tempo è divenuta famosa in tutto il mondo. Robert Lawrence Stine ha un figlio di nome Matthew, nato nel 1980.

I libri più venduti di Robert L. Stine: