€ 16.66€ 19.60
    Risparmi: € 2.94 (15%)
Disponibilità immediata
Ordina entro 13 ore e 53 minuti e scegli spedizione espressa per riceverlo mercoledì 13 dicembre   Scopri come
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Persone da zero a tre anni. Crescere e lavorare nell'ambiente del nido

Persone da zero a tre anni. Crescere e lavorare nell'ambiente del nido

di Elinor Goldschmied, Sonia Jackson


Disponibilità immediata
  • Editore: Junior
  • Collana: Zero sei
  • Data di Pubblicazione: ottobre 2002
  • EAN: 9788886277877
  • ISBN: 8886277873
  • Pagine: 288

Descrizione del libro

“Persone” propone un approccio innovativo rispetto al “gruppo” per i bambini al nido e applica la ricerca e la teoria alla pratica quotidiana.

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano Persone da zero a tre anni. Crescere e lavorare nell'ambiente del nido acquistano anche Questa è un'altalena. Spazi e contesti al nido d'infanzia di A. Gariboldi, C. Fabbri, D. Mauro (a cura di) € 12.80
Persone da zero a tre anni. Crescere e lavorare nell'ambiente del nido
aggiungi
Questa è un'altalena. Spazi e contesti al nido d'infanzia
aggiungi
€ 29.46

Voto medio del prodotto:  4.5 (4.5 di 5 su 2 recensioni)

5Bel libro, utile per le educatrici di nido!, 29-02-2016
di - leggi tutte le sue recensioni
Prodotto arrivato nella giusta tempistica, buon imballaggio con in aggiunta dei buoni sconto per i prossimi acquisti su questo sito, un libro di facile lettura e che consiglio a tutte le educatrici di nido o a chi vuole saperne di più sul comportamento dei bambini dai zero ai tre anni! Consigliatissimo!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Di facile lettura e completo, 20-04-2011, ritenuta utile da 6 utenti su 6
di - leggi tutte le sue recensioni
Consiglio questo libro a chiunque sia a contatto con il mondo del nido, sia in qualità di educatrice sia come genitore. Ci sono spunti pratici davvero interessanti, che possono diventare realtà, ma non mancano le riflessioni sui veri protagonisti, i bambini.
Molto curiosa la scelta delle autrici di alternare l'uso del maschile e del femminile per parlare di bambini, per ribadire anche a livello linguistico la parità di genere.
Ritieni utile questa recensione? SI NO