€ 12.00€ 12.50
    Risparmi: € 0.50 (4%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Pensieri dal carcere

Pensieri dal carcere

di Pierre Clémenti


Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
  • Editore: Il Sirente
  • Collana: Fuori
  • Traduttore: Benvenuti S.
  • Data di Pubblicazione: gennaio 2007
  • EAN: 9788887847123
  • ISBN: 8887847126
  • Pagine: 156
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"


Voto medio del prodotto:  5 (5 di 5 su 2 recensioni)

5Lunga vita a questo libro, 03-04-2008
di - leggi tutte le sue recensioni
Nel 1971 Pierre Clémenti è arrestato a Roma per droga. Viene rilasciato per insufficienza di prove, ma riceve anche un folgio di via. Tornato in Francia scrive questo diario. Magnifici flashback svelano i suoi inizi in teatro a Parigi, poi gli incontri italiani: Visconti con 'Il Gattopardo' e quando lo vede per la prima volta gli dice: «Per un giubbotto nero, hai mani da principe...»; Buñuel, con un «volto favoloso, lavorato dalla vita, pesante e scavato»: per lui, Pierre è davanti alla macchina da presa in 'Bella di giorno' e 'La via lattea'. Infine, Fellini: lo vuole nel 'Satyricon', ma lui rifiuta: «Era come la Fiat, centinaia di attori, migliaia di operai, di figuranti, di artigiani all'opera per mesi, una città intera da costruire e da abitare...». Clémenti, che fu anche regista, è morto nel 1999. Lunga vita a questo libro che lo proietta al centro del nostro amore.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5La cupa bellezza di questo testo, 03-04-2008
di - leggi tutte le sue recensioni
Non è così frequente che un uomo, che sa esprimere il suo dolore mantenendo il suo grido, e che integra l'esperienza carceraria con una riflessione politica nel senso più ampio della parola, scriva anche di filosofia. In termini molto semplici, in un linguaggio sobrio e allo stesso tempo poetico, mostra ciò che significa la mutilazione imposta dalla "condizione carceraria". L'uomo negativo della prigione, questo uomo rinnegato, alienato, ci fa intravedere per contrasto le enormi risorse di creatività e di libertà che esistono in ognuno di noi... a condizione che noi non ci rendiamo prigionieri di noi stessi. Questo amico di Pasolini aveva perfettamente capito, decisamente, la sfida di tutte le rivolte. Da qui la cupa bellezza di questo testo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Ultimi prodotti visti