€ 8.50
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro tornerà acquistabile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
La notte di Gerusalemme

La notte di Gerusalemme

di Sven Delblanc


Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Iperborea
  • Edizione: 2
  • Traduttore: Cangemi L.
  • Data di Pubblicazione: gennaio 2011
  • EAN: 9788870910001
  • ISBN: 8870910008
  • Pagine: 128
  • Formato: brossura

Voto medio del prodotto:  4 (4 di 5 su 1 recensione)

4L'eclissi solare e la prosopopea della Ragione, 21-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Gerusalemme, 70 d.C.
Tito, non ancora imperatore, si appresta a prendere Gerusalemme, dopo un lungo assedio.
Intorno a lui, alcuni personaggi di corte: Filemone di Megara, filosofo greco, convinto assertore della predominanza della Ragione, della Scienza sulle umane superstizioni e credenze (Filemone è anche la 'voce narrante' del racconto); Flavio Giuseppe, storico giudeo ma convertitosi alla potenza di Roma, di cui ben presto diventa uno dei più conosciuti sostenitori; Eleasar, povero vecchio giudeo fuggito da una Gerusalemme ormai morente a causa del lungo assedio, catturato dai Romani.
Quest'ultimo, portato al cospetto del generale Tito, narra la storia di Gesù Cristo, che egli ha conosciuto e servito personalmente, del 'partito' creatosi dopo la sua morte, della caduta di ogni idealità susseguente al mancato instaurarsi, su questa terra, del tanto atteso Regno di Dio, della miscredenza che tale inutile attesa ha provocato in tanti uomini.
"Nutrirsi di sogni e vivere di illusioni, oppure morire di verità: questa è la scelta dell'uomo", riassume Eleasar che successivamente finirà crocifisso.
Il tutto mentre una spaventosa eclissi di sole (ma sarà davvero una eclissi ?) cala sui campi militari e su Gerusalemme, gettando nel panico i superstiziosi attori.
Stile scorrevole; prosa forbita e ricca di riferimenti storici, filosofici e religiosi; parte finale di meravigliosa suggestione che sbugiarda appieno la prosopopea e le pretese di una Ragione ancora agli arbori, più serva del potere imperiale che costruttrice di un futuro diverso.
Racconto mirabile.
Ritieni utile questa recensione? SI NO