€ 18.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
La nostra inquietudine

La nostra inquietudine

di Amedeo Vigorelli


Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Mondadori Bruno
  • Collana: Ricerca
  • Data di Pubblicazione: gennaio 2007
  • EAN: 9788861590113
  • ISBN: 886159011X
  • Pagine: XVI-189
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

Questa raccolta di saggi si offre come ricostruzione di quella che è stata talvolta indicata come la "scuola di Milano". La tendenza filosofica, sovente identificata con la tradizione del razionalismo critico, che fa capo alla figura di Antonio Banfi. I filosofi della scuola si muovono in realtà entro un orizzonte storico più ampio, recuperando quello sfondo di idealismo religioso, che trova in Piero Martinetti un duplice riferimento: teoretico e morale. Il tema della inquietudine religiosa accomuna diverse figure e momenti salienti della filosofia e della cultura antifascista milanese (da Martinetti a Rebora, da Banfi a Paci, da Segre a Cantoni, da Untersteiner a dal Pra), specialmente se si assume il clima morale degli anni trenta come cartina di tornasole. L'arco temporale descritto dai saggi (concepiti come schizzi e ritratti di personalità tipiche e rappresentative di un atteggiamento spirituale) assume come estremi ideali la crisi storica degli anni trenta e quella finale degli anni sessanta: intendendo la crisi come momento di rinnovamento e di speranza, come appello alla ragione e alla libertà.

Tutti i libri di Amedeo Vigorelli

Voto medio del prodotto:  2 (2 di 5 su 1 recensione)

2Molte nozioni, poca eloquenza, 07-07-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Con questo volume Amedeo Vigorelli chiude una fase, e nella fattispecie quella degli studi dedicati alla scuola di Milano e ai filosofi che le gravitarono attorno, nel tempo e nello spazio. Una sezione importante è riservata a Enzo Paci, maestro dello stesso Vigorelli alla Statale di Milano negli anni settanta, e caposcuola dell'esistenzialismo e del relazionismo italiano (nonché responsabile della diffusione della "nuova" fenomenologia, ovvero quella dell'Husserl inedito e di Merleau-Ponty, negli anni sessanta). Una scrittura, quella di Vigorelli, certamente specialistica, ma che non per questo giustifica la eccessiva secchezza di certe pagine. Lo stile non è un dono che interpella tutti.
Ritieni utile questa recensione? SI NO