€ 12.75€ 15.00
    Risparmi: € 2.25 (15%)
Disponibilità immediata
Ordina entro 14 ore e 17 minuti e scegli spedizione espressa per riceverlo lunedì 23 aprile Scopri come
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Muovete il culo! Lettera ai giovani perché facciano la rivoluzione in un Paese di vecchi

Muovete il culo! Lettera ai giovani perché facciano la rivoluzione in un Paese di vecchi

di Alberto Forchielli


Disponibilità immediata
  • Editore: Baldini + Castoldi
  • Collana: Le boe
  • Data di Pubblicazione: aprile 2018
  • EAN: 9788893880787
  • ISBN: 8893880784
  • Pagine: 185
  • Formato: brossura

Descrizione del libro

Alberto Forchielli è un economista sui generis, anticonformista e schietto. Uno che gestisce un importante fondo di private equity, profondo conoscitore del mercato cinese, uno che viene ascoltato al Congresso degli Stati Uniti come alla Silicon Valley. Uomo globalizzato dal 1980, vive girando il mondo ma è rimasto legato alla sua Italia, della quale impietosamente denuncia i difetti e il provincialismo. In questo pamphlet agile e corrosivo vuole scuotere la generazione dei trentenni, rassegnati e letargici, aiutandoli a scegliere fra andare all’estero o restare, e in tal caso combattere per cambiare un Paese che non fa nulla per regalare un futuro ai suoi figli. La sua analisi non fa sconti a nessuno. Alla generazione dei nostri nonni che hanno ricostruito il Paese dopo la guerra con enormi sacrifici, ha fatto seguito la generazione dei nostri padri (i coetanei di Forchielli) che hanno dilapidato i risultati del boom economico, hanno vissuto di rendita per lasciare ai trentenni oggi un’apatia da pancia piena e un generale vittimismo. La soluzione è semplice. Darsi una mossa, recuperare la grinta dei nonni, avere la stessa «fame» dei coetanei asiatici, studiare tanto quelle materie tecniche e scientifiche che sono alla base del mondo tecnologico di domani, e soprattutto smettere di piangersi addosso e avere le idee chiare. È difficile, ma per farlo bisogna guardare l’Italia da fuori… e avere voglia di fare la rivoluzione, se si ama davvero questo nostro Paese.