€ 14.45€ 17.00
    Risparmi: € 2.55 (15%)
Spedizione a 1 euro sopra i € 25
Disponibilità immediata solo 1 pz.
Ordina entro 5 ore e 58 minuti e scegli spedizione espressa per riceverlo domani Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Ma l'amor mio non muore. Origini documenti strategie della «cultura alternativa» e dell'«underground» in Italia

Ma l'amor mio non muore. Origini documenti strategie della «cultura alternativa» e dell'«underground» in Italia

 


  • Editore: DeriveApprodi
  • Edizione: 3
  • Data di Pubblicazione: ottobre 2003
  • EAN: 9788888738215
  • ISBN: 8888738215
  • Pagine: 256
  • Formato: brossura
Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

Uno spettro si aggira per l'Europa della moneta unica, lo spettro del '68. Come esorcizzarlo? Banalizzandolo a spettacolo per cialtroni, sognatori e terroristi. L'importante è che non sembri la rivolta di una generazione che aveva in qualche modo compreso l'inarrestabile decomposizione della modernità. Pubblicato per la prima volta clandestinamente nel 1971, questo libro è una raccolta di articoli e testi che documentano le idee, i progetti e i propositi di un'intera generazione che mirava a innescare nuovi conflitti tra le gestione dell'informazione da parte dei poteri costituiti e la "realtà" del vero, cioè il suo sogno di sovversione nel segno della libertà.

Voto medio del prodotto:  4 (4 di 5 su 1 recensione)

4... Ma l'amor mio non muore, 06-04-2011, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Buono tutto l'impianto narrativo, ma il finale è dei migliori. Una sorta di manuale della rivoluzione e della contestazione che certamente letto oggi risulta in certa maniera fuori dal tempo e dallo spazio, a meno che non lo si legga dalla prospettiva giusta, con gli occhi e il cuore degli anni settanta dove ancora tutto pareva possibile e dove ci si muoveva tra desiderio di potente rinnovamento e il tentativo dell'attuazione.
Rinnovamento dicevo desiderato e forse necessario in tanti aspetti della vita. Uno su tutti il tentativo delle donne di riconosscersi e farsi riconoscere individui con capacità, sogni, aspettative, sentimenti, desideri... Non più oggetti ma finalmente soggetti.
La coscienza della donna come necessità da parte dell'uomo di prendere coscienza di se e di porsi finalmente in un'altra maniera...
Insieme poi verso una nuova coscienza del rapporto a due, dell'amore, del sesso, della sessualità, della diversità di genere, di cosa possa essere "il genere" (cultura? Genetica? Ambiente?) e di come vivere più consapevolmente e pienamente.
Sogni? Attuazione?
Per certe cose siamo ancora lì o ci siamo tornati. E' fallimento di quell'esperienza? Forse in parte poichè in fondo è veramnete difficile non far morire un amore e tenere in vita un sogno.
Infine fortissimo il potere di documento e testimonianza per chi "non c'era", ma anche per chi "c'era" e vuole recuperare una dimensione o forse un attimo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Ultimi prodotti visti