€ 19.50
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
La lotta per il riconoscimento

La lotta per il riconoscimento

di Axel Honneth

  • Editore: Il Saggiatore
  • Collana: La cultura
  • Traduttore: Sandrelli C.
  • Data di Pubblicazione: settembre 2002
  • EAN: 9788842810643
  • ISBN: 8842810649
  • Pagine: 256
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Descrizione del libro

La filosofia di Honneth tenta di tracciare una teoria della società che concili le posizioni liberali con le dottrine comunitaristiche. A questo fine, Honneth si serve del pensiero di George Herbert Mead per reinterpretare le posizioni hegeliane secondo categorie sociologiche e psicologiche più adeguate al mondo contemporaneo. Riferendosi a questi precedenti storici, Honneth formula la sua proposta teorica individuando tre gradi nel processo di riconoscimento che corrispondono a tre momenti dell'identità: quello delle cosiddette relazioni primarie, quello delle relazioni giuridiche, quello della comunità etica.
La filosofia di Axel Honneth, inserendosi nel dibattito sulle politiche del riconoscimento all'interno di una prospettiva multiculturale, tenta di tracciare una teoria della società che concili le posizioni liberali con le dottrine comunitaristiche. A questo fine si serve del concetto hegeliano di lotta per il riconoscimento, integrandolo con la psicologia sociale di George Herbert Mead, che gli fornisce categorie sociologiche e psicologiche più adeguate al mondo contemporaneo. Riprendendo l'impianto dialettico proprio della prima Scuola di Francoforte (parzialmente tralasciato da Jürgen Habermas, più attento alla dimensione ""trascendentale"" del linguaggio) Honneth formula la sua proposta teorica. Nel processo di riconoscimento esistono tre gradi, cui corrispondono tre momenti dell'identità personale: quello delle cosiddette relazioni primarie, i rapporti familiari e di amicizia; quello delle relazioni giuridiche, in cui il singolo diventa soggetto autonomo, in senso kantiano, guadagnando rispetto di sé; e infine il livello della comunità etica, nella quale il soggetto viene riconosciuto per il suo valore sociale, ossia per il suo personale apporto alla società, e acquista stima di sé. Nei tre gradi di riconoscimento Honneth vuole riunire i concetti di auto-determinazione e auto-realizzazione, di solito contrapposti, intendendoli come passaggi successivi verso l'integrità dell'individuo. In questo modo riesce a elaborare una teoria che mantiene fermi i principi universali del liberalismo senza però trascurare i bisogni concreti e le differenze tra culture. SommarioPremessa - PRIMA PARTE: L'IDEA ORIGINARIA DI HEGEL - 1. Lotta per l'autoconservazione - 2. Delitto ed eticità - 3. Lotta per il riconoscimento - SECONDA PARTE: LA STRUTTURA DEI RAPPORTI SOCIALI DI RICONOSCIMENTO - 4. La trasformazione naturalistica di Mead - 5. Amore, diritto, solidarietà - 6. Violenza, privazione dei diritti, umiliazione - TERZA PARTE: MORALE E SVILUPPO SOCIALE - 7. Marx, Sorel, Sartre - 8. La logica morale dei conflitti sociali - 9. Un concetto formale di eticità - Note - Bibliografia - Indice dei nomi - Indice degli argomenti.

Voto medio del prodotto:  4 (4 di 5 su 1 recensione)

4Pesante ma ricco, 06-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Polpettone di filosofia della identità e psicologia sociale. Tuttavia qualcosa mi ha trasmesso, in particolare sulle tre forme di riconoscimento (amore, giustizia e solidarietà) e sulle definite forme di misconoscimento (diseguaglianza, privazione dei diritti, umiliazione) che porta, secondo le teorie dell'autore, alla fondamenta delle lotte di riconoscimento, non ultime quelle di classe di tipologia marxista.
Ritieni utile questa recensione? SI NO