€ 49.00
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Liquefazione dei terreni in condizioni sismiche

Liquefazione dei terreni in condizioni sismiche

di Sebastiano G. Monaco


Fuori catalogo - Non ordinabile

Descrizione del libro

Un libro e un programma estremamente utili che vengono incontro ai tecnici professionisti che devono affrontare questa materia piuttosto complicata pur non essendo specialisti del settore. Un volume che non può mancare sulla scrivania di geologi, ingegneri, architetti che nel corso della loro attività devono fare i conti con i metodi e i calcoli che regolano la liquefazione dei terreni sabbiosi saturi in particolari condizioni sismiche. L'argomento è suddiviso in due parti; nella prima, in maniera molto schematica, si introduce il concetto di liquefazione, si definiscono le equazioni CRR e CSR che con il loro rapporto determinano il coefficiente di sicurezza Fs, dando ragguagli circa le correzioni che occorre eseguire ai vari indici (SPT, CPT e VS), ricavati da prove in sito, per la successiva determinazione della suscettibilità o meno alla liquefazione. Nella seconda parte si definiscono i metodi tabellari (Sherif e Ishibashi, 1978, Youd e Perkins, 1978, Youd et al., 1978, Iwasaki et. al., 1982), e le metodologie di calcolo dei metodi semplificati (Seed e Idriss, 1982, Iwasaki et al., 1978-1984, Tokimatsu e Yoshimi, 1983, Youd e Idriss, 2001, Seed et al., 1985, Rauch, 1998, Eurocodice 8 (SPT), Robertson e Wride, 1997, Andrus e Stokoe, 1998, Yegian e Whitman, 1978. Infine, un programma realizzato con schede Excel permette di calcolare il coefficiente di sicurezza da prove in situ SPT, CPT e VS con i metodi proposti dagli autori sopra descritti, consentendo di eseguire delle comparazioni tra loro ed individuando il rischio di liquefazione (Iwasaki et al., 1984), nonché, la probabilità e la suscettibilità alla liquefazione (Juang et al., 2001), sia per singolo strato a profondità prefissate, sia complessivamente (più strati interessati), fino ad una profondità di 20 m.