€ 17.86€ 19.00
    Risparmi: € 1.14 (6%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Harry, rivisto

Harry, rivisto

di Mark Sarvas


Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
  • Editore: Adelphi
  • Collana: Fabula
  • Traduttore: Salvatorelli F.
  • Data di Pubblicazione: maggio 2009
  • EAN: 9788845923920
  • ISBN: 8845923924
  • Pagine: 310
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Trama del libro

Chi sognasse di incontrare finalmente un personaggio sfaccettato, deprecabile e irresistibile, insomma magistralmente imperfetto, sappia che Harry Rent, radiologo californiano quarantenne, non solo non lo deluderà, ma si inciderà profondamente nella sua memoria: perché Harry, maldestro in ogni sua impresa, è un uomo che migliora soltanto attraverso i suoi sbagli. La moglie è morta durante un intervento di chirurgia estetica, ed è con riluttante empatia che ricostruiamo a ritroso un viaggio emotivo fatto di rimorso, nostalgia, rancore, desolazione, e della immediata tentazione di un nuovo amore. Proprio per far colpo sulla nuova improbabile preda, Harry si imbarca in una serie di avventure che porteranno ad altrettanti comicissimi disastri, sullo sfondo di un'America contemporanea che Sarvas dipinge con scanzonata, crudele ironia, disseminando il racconto di tocchi di suspense.

Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Harry, rivisto e condividi la tua opinione con altri utenti.


Voto medio del prodotto:  3.5 (3.5 di 5 su 4 recensioni)

4Un uomo "normale", 30-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Leggera e a tratti esilarante la lettura di questo romanzo in cui il protagonista, rimasto divorziato, è alle prese con le sue insicurezze. Mi ha ricordato in certi tratti un personaggio di woody allen o di Pozzetto. Una vita ordinaria di un uomo normale, sempre in equilibrio tra il vorrei e il non posso, che tenta di essere straordinario e di cambiare l'esistenza di chi gli sta intorno (per i suoi "loschi" scopi, tra l'altro) . La trama è molto semplice, ma Harry è un gran personaggio e Savras un grande scrittore.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3Harry, rivisto, 14-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Sono un suo appassionato seguace. Certo l'arte di accomodare la quotidianità non si improvvisa e per di più non è compatibile con i sensi di colpa. Quelli che subisce il protagonista quando presenta all'algida moglie la svettante segretaria sgrammaticata come un'anonima ragazza ma fornita di eccellente diploma di laurea.
Ma i casini veri subentrano quando Harry deve giustificare l'abituale ginnastica all'ora di pranzo...
Più che Harry, rivisto, scriverei: Harry, peccato.
Ce la stava per fare con l'ottima Molly, ma il rimorso alla fine prevale. Peccato anche perché Harry, pur godibile, non è Barney.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Harry, rivisto, 14-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Mi è capitato di leggere questo prolifico autore stata una goduria leggerlo. Harry, rivisto.
Rivisto perchè Harry decide di cambiare, di diventare un uomo nuovo, un uomo diverso da quello che per una vita è stato intimorito da sua moglie, diverso dall'uomo che non sa che gusti ha, e che non sa che farsene delle sue mani.
Un novello Edmond Dantès.
Ricalcando le orme di un eroe che poi tanto felice non fu, Harry si convince di avere un'altra occasione.
Questa occasione ha un nome, Molly, ed è giovane e bella.
Potrebbe essere semplice, in fondo. Chiedere un appuntamento. Flirtare. E invece, Harry si muove tra i fili di un'enorme ragnatela, coinvolgendo altre persone, sconvolgendo le loro vite, novello benefattore dal cuore d'oro che riesce a combinare un (comico) casino dopo l'altro.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3Troppi Harry in uno, 09-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Romanzo gradevole e ironico, al quale manca però un po' di sostanza; è sicuramennte ben scritto, ma si avverte anche una certa dose di artificiosità, in certi passi si avverte che c'è dietro un'attenta "costruzione" del periodo, dei discorsi. Lo stesso Harry non è un personaggio finito, a volte è goffo, altre cinico, altre altruista, secondo me nemmeno l'autore aveva le idee chiare sul suo personaggio...
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Ultimi prodotti visti