€ 18.72€ 19.50
    Risparmi: € 0.78 (4%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Gratitudine

Gratitudine

di Joseph Kertes


Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
  • Editore: Elliot
  • Collana: Raggi
  • Traduttore: Cavallante C.
  • Data di Pubblicazione: settembre 2010
  • EAN: 9788861921511
  • ISBN: 8861921515
  • Pagine: 537
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Trama del libro

Raoul Wallenberg, il cui nome fa parte dei "Giusti tra le nazioni", un giovane diplomatico svedese che salvò la vita a più di centomila ebrei ungheresi, prodigandosi senza sosta per fornire passaporti falsi, rifugi sicuri e assistenza di ogni genere a chiunque ne avesse bisogno. Intorno alla reale figura di quest'uomo generoso, l'autore costruisce il romanzo di una famiglia ebrea che cerca di salvarsi nella Budapest occupata dai nazisti. Al centro vi è Paul Beck, un giovane avvocato che riuscirà a cambiare il destino di molti perseguitati grazie all'incontro con Wallenberg, compiendo gesti eroici come il blocco del treno che trasportava alcuni suoi parenti verso il campo di sterminio. Con acutezza e profondità, Joseph Kertes intesse abilmente vicende dolorose con episodi più leggeri e vitali, restituendo non soltanto un indimenticabile ritratto familiare, ma anche tutta la complessità e ricchezza di sentimenti che hanno caratterizzato uno dei momenti più bui della storia.

Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Gratitudine e condividi la tua opinione con altri utenti.


Voto medio del prodotto:  4 (4 di 5 su 1 recensione)

4Gratitudine, 27-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Opera oceanica ambientato nei paesi magiari durante i progrom degli anni quaranta. Mi è piaciuta molto l'atmosfera "corale" del romanzo, quel suo panorama a 360 gradi sulla vita, le vicissitudini e le risoluzioni di tanti personaggi differenti, e quella copertina, con l'immagine commemorativa della fila di scarpe di ebrei uccisi, presente a Budapest lungo il Danubio (e da me vista nella realtà) mi aveva toccato il cuore... Purtroppo, però, il romanzo mi ha detto ben poco. Nulla di nuovo rispetto a tante testimonianze e racconti sull'Olocausto, diverse scene evitabili e grottesche (come quella dei ragazzi che sgozzano gli animali nello zoo per sfamarsi) e quel Perlasca svedese, che avrebbe dovuto rappresentare uno dei personaggi chiave della storia, ridotto a un ruolo marginale. Viste le buone premesse mi apettavo un coinvolgimento che però non è arrivato... Pazienza. Nel complesso sufficente.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Ultimi prodotti visti