€ 12.99
PDF protetto da Adobe DRM
Download immediato
La vertigine dei consumi. E-book

La vertigine dei consumi. E-book

di Franco A. Fava

18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente
Luoghi preminenti di aggregazione sociale, sovente in concorrenza con i centri storici delle nostre città, ed espressione, in molti casi, di pratiche sociali fondate prevalentemente sullo scambio materiale, shopping mall, retail park, outlet, hypermarché, superstore, grandi magazzini, supermercati e altri format commerciali rappresentano l'idea progettuale di nuovi aggregati commerciali deputati allo shopping e non solo. Superando, infatti, il tradizionale concetto di spazio mercantile organizzato, del "tutto sotto lo stesso tetto", riconducibile ai primi bazar, passage, arcade e galérie di Parigi e di Londra dell'inizio dell'Ottocento, essi associano e mettono in relazione servizi di diversa natura: dallo shopping al loisir, dal fitness all'entertainement, rendendo i mall realtà multiservizio per i clienti-consumatori.
Questo volume ripercorre l'evoluzione dei differenti format commerciali, dall'Europa agli Stati Uniti e viceversa, dall'inizio del XIX secolo a oggi. È nei locali dei grandi magazzini del lusso e popolari ottocenteschi, e poi nei supermarket della metà del XX secolo che differenti classi sociali cominciano a incontrarsi, osservarsi e venire in contatto con le merci esposte. Una sorta di "vertigine" dei consumi che si caratterizza quale fattore, per certi aspetti, di riscatto sociale, ma anche di omologazione.
Il libero accesso, i prezzi fissi, la fiducia e tutela legale dei consumatori, tipici di queste realtà, sono i valori costitutivi dell'invenzione del lusso democratico e del cibo uguale per tutti, ma anche gli elementi identificativi della nostra società dei consumi, in un affascinante percorso parallelo ai cambiamenti sociali avvenuti negli ultimi due secoli, anche tramite il variegato mondo del commercio.

Franco A. Fava è sociologo e docente presso la Scuola di Medicina dell'Università degli Studi di Torino, dove insegna Sociologia e Demografia sociale. Studioso di fenomeni sociali, scrittore e giornalista pubblicista, già visiting scholar presso la Stanford University (Usa) e la Warwick University (Uk), ha collaborato con numerose istituzioni culturali e di ricerca, italiane e straniere, nel campo dell'analisi sociale. Presidente del L.I.S.E.S. (Libero Istituto di Studi Economici e Sociali P. Belli) da lui fondato, è curatore del M.E.C.C. (Museo -online- & Laboratorio Europeo del Commercio e dei Consumatori). Il suo settore di ricerca è prevalentemente orientato sugli aspetti organizzativi e socio-economici del commercio contemporaneo: dai grandi magazzini del lusso ai Retail park di oggi. Attualmente collabora con il David F. Miller Retail Center dell'Università della Florida (Usa) in relazione ad un progetto di ricerca sul primo self-service grocery store (Piggly Wiggly - Memphis 1916; http://warrington.ufl.edu/centers/retailcenter/). La produzione scientifica dell'autore annovera oltre cinquanta pubblicazioni tra monografie ed articoli.

Indice
Riccardo Garosci, Presentazione
Costantino Cipolla, Prefazione
Incipit dell'autore
I Grandi Magazzini e lo "spettacolo delle cose"
(Dal commercio tradizionale ai magasin de nouveautés; Dai magasin de nouveautés ai grand magasin de luxe; Le esposizioni universali ed internazionali; I Department Store negli Usa)
Super e ipermercati
(Dalle botteghe e negozi alla società dei consumi; Le società cooperative e l'avvio del commercio contemporaneo; Dai supermercati ai supernegozi)
Il flusso delle cose ... e del tempo
(Come passare il tempo: tra shopping, loisir e entertainment (retailtainment); Il "mondo terzo" svelato)
Conclusioni
Addendum: alcuni pionieri del mondo terzo
Bibliografia di riferimento
Appendice.