€ 14.25€ 15.00
    Risparmi: € 0.75 (5%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Normalmente disponibile in 10/15 giorni lavorativi (difficile reperibilità)
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
Due notti magiche a Newport. Storia e leggende di tre grandi del Jazz

Due notti magiche a Newport. Storia e leggende di tre grandi del Jazz

di Gianfranco Nissola


  • Editore: Giancarlo Zedde Editore
  • Data di Pubblicazione: 2019
  • EAN: 9788899778194
  • ISBN: 8899778191
  • Pagine: 216
  • Formato: brossura
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Descrizione del libro

"... considerato quel che è già stato scritto, si potrebbe parlare di fenomenologia di un festival comprendendo sotto tale denominazione tutto un insieme di persone che agiscono e danno vita a fatti e avvenimenti che finiscono per assumere un particolare significato; specialmente se tutto questo perdura negli anni. Esiste nella realtà un evento che può fornire una serie di risposte a innumerevoli domande: è il Newport Jazz Festival. Una significazione che è quasi una reale enciclopedia del jazz, sempre in divenire: il migliore esempio, forse, della vitalità di questo genere musicale: botta e risposta, un dialogo che esiste da anni, sempre diverso, attuale nella sua sempre variabile espressione. Un vivere per sopravvivere, basilare per la comprensione globale di questa musica che si esprime attraverso riferimenti, citazioni, stravolgimenti anche poetici - nel senso di fare - dei quali si deve conoscere la codifica per apprezzare l'essenza artistica. In questo panorama potremmo inserire - per meglio comprendere la forza divulgativa - i due non-incontri Ellington-Davis del 1955 e 1956: due serate mitiche e due date ormai storiche. Di certo una diversa conclusione dell'appuntamento Duke Ellington e Miles Davis nel 1948 avrebbe modificato il futuro di due (o di milioni di) esistenze. Duke e Miles entrarono forse in crisi per questo? Enigma insolubile. Le considerazioni sulla vita di entrambi, sulla musica che composero e suonarono separatamente, indicano che sia l'invito che il rifiuto, di per sé, non ebbe conseguenze sul rispettivo livello artistico raggiunto".