€ 11.70€ 13.00
    Risparmi: € 1.30 (10%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Cristiani e musulmani, una sola mano. L'Egitto di Piazza Tahrir dal dialogo alla democrazia

Cristiani e musulmani, una sola mano. L'Egitto di Piazza Tahrir dal dialogo alla democrazia

di Elisa Ferrero


Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
  • Editore: EMI
  • Collana: Parole non Crociate
  • Data di Pubblicazione: gennaio 2012
  • EAN: 9788830720527
  • ISBN: 8830720526
  • Pagine: 176

Cerchi i libri per la scuola?
Consulta subito la lista dei testi adottati nella tua classe!

Descrizione del libro

A un anno dalla rivoluzione egiziana nata in piazza Tahrir, questo volume ripercorre una catena di avvenimenti che stanno cambiando un'ampia area del mondo arabo. La base del libro è costituita da un diario che, oltre agli eventi finiti in prima pagina, racconta sentimenti, speranze e paure della genta comune. L'esito finale della rivoluzione è ancora incerto. Il libro non contiene quindi un finale rassicurante ma ricostruisce in presa diretta un processo politico largamente inattesto. La "democrazia all'improvviso", potremmo dire, pensando soprattutto ai sogni dei primi protagonisti della primavera egiziana: i giovani di Facebook e di Twitter, una generazione che ha messo da parte le vecchie ideologie - nazionalismo, fondamentalismo, socialismo - per misurarsi con la grande sfida di un radicale cambiamento nel mondo arabo. Ma potremmo anche dire i "paradossi della democrazia", pensando che i veri beneficiari delle lotte di piazza oggi appaiono partiti attraversati da ideologie che di democratico hanno ben poco. Questo è stato il vero tema di fondo della rivoluzione, molto più che le contrapposizioni tra cristiani e musulmani o tra "moderati" e "fondamentalisti", tra filoccidentali e filoarabi. Abbiamo ora di fronte uno scenario instabile, nel quale diverse spinte culturali, politiche e religiose cercano nuovi equilibri. Anche in questa fase sarà utile continuare ad ascoltare le voci di piazza Tahrir.