€ 15.30€ 17.00
    Risparmi: € 1.70 (10%)
Normalmente disponibile in 5/6 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come

Ne hai uno usato?
Vendilo!
Creatività. Normalissima improbabilità? Per un dialogo sociologico tra problema e soluzione

Creatività. Normalissima improbabilità? Per un dialogo sociologico tra problema e soluzione

di Simone D'Alessandro


Normalmente disponibile in 5/6 giorni lavorativi

 Questo prodotto appartiene alla promozione  Aracne

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"


Tutti i libri di Simone D'Alessandro

Voto medio del prodotto:  4 (4 di 5 su 1 recensione)

4Creatività? Normalmente Inevitabile , 22-09-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
In numerose organizzazioni i processi creativi sono proceduralizzati in forma di modelli o tecniche didattiche che danno luogo a fenomeni di routine nella gestione della creatività. Grazie ad osservazioni partecipanti presso imprese e istituti di ricerca (n. 35), interviste in profondità ad artisti, scienziati, ricercatori, insegnanti e manager (n. 60), nonché a un censimento analitico di tecniche di stimolazione del flusso creativo (n. 200) sono emerse considerazioni strategiche sulle modalità di utilizzo dei modelli, ma anche un paradosso: le procedure generano regole in grado di disattivare le procedure da cui derivano. Ogni tecnica censita presenta elementi ricorrenti nelle altre: regole comuni dell’opposizione, della combinazione e della separazione. Tali regole, latenti, determinano il comportamento creativo e sono innescate dal rapporto circolare e ricorsivo tra pensiero e linguaggio; ovviamente ciò non basta a spiegare il fenomeno: è impossibile accantonare - dal processo creativo di scoperta - la dimensione ambientale, la biografia dello scopritore, la stratificazione delle conoscenze pregresse, le motivazioni personali, il gruppo, i fattori casuali che innescano un nuovo modo di procedere e, infine, la manualità. Sta di fatto, però, che la creatività è figlia di un uso ragionevole e cibernetico di regole più di quanto si pensi. La creatività non è rara, ma “normalmente inevitabile”, un fenomeno evolutivo del vivente. Lo stallo creativo risiederebbe, allora, nelle organizzazioni che non favoriscono una didattica della creatività. L’umanità non ha bisogno del genio irrazionale e solitario (che non esiste in senso assoluto, poiché percepito tale in base al contesto), ma di una socialità geniale, meglio: di una genialità sociale, capace di produrre talenti, perché in grado di stimolare talento.

Ritieni utile questa recensione? SI NO