€ 12.75€ 15.00
    Risparmi: € 2.25 (15%)
Normalmente disponibile in 4/5 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Conversazioni con Carlo Maria Martini

Conversazioni con Carlo Maria Martini

di Eugenio Scalfari, Vito Mancuso


Normalmente disponibile in 4/5 giorni lavorativi
  • Editore: Fazi
  • Collana: Campo dei fiori
  • Data di Pubblicazione: settembre 2012
  • EAN: 9788864116358
  • ISBN: 8864116354
  • Pagine: 165
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

Conversazioni con Carlo Maria Martini è un saggio scritto a quattro mani da Eugenio Scalfari e da Vito Mancuso. Il volume approfondisce numerosi aspetti etici e morali. Dal dialogo tra i tre uomini emerge un'equilibrio di pensiero e una condivisione di valori, nonstante abbiano tra di loro opinioni differenti in merito alla religione. La conversazione tra Scalfari, Macuso e Carlo Maria Marini si concentra sul destino del modo, sul peccato, sul male morale, sull'ingiustizia, sulla Chiesa, sulla Resurrezione e sul rapporto difficile tra fede e scienza. Scalfari dimostra che la fede non è una condizione necessaria per aderire all'ideale di giustizia, e Mancuso parte da questo punto per esporre un'intima riflessione sul perchè lui e Martini credono in Dio. Conversazioni con Carlo Maria Martini è un volume che rappresenta il punto d'incontro tra il pensiero del teologo Vito Mancuso, del politico Eugenio Scalfari e del Cardinale Carlo Maria Martini.

Tutti i libri di Eugenio Scalfari

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano Conversazioni con Carlo Maria Martini acquistano anche Il bisogno di pensare di Vito Mancuso € 13.60
Conversazioni con Carlo Maria Martini
aggiungi
Il bisogno di pensare
aggiungi
€ 26.35

Voto medio del prodotto:  5 (5 di 5 su 1 recensione)

5Svantaggi?, 21-09-2012, ritenuta utile da 2 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
Secondo Mancuso la fede non rappresenta nè un vantaggio conoscitivo nè etico perchè ingabbierebbe la libertà creativa entro insostenibili calchi dogmatici. In realtà questa è un'asserzione e non un argomento fondato perchè vi si confonde l'enunciato canonico del credere alle condizioni teologiche annesse. Basta visitare alcune fonti (per es. Gregorio di Nissa e Tommaso d'Aquino) per ricavare che la fede offre vantaggio culturologico in quanto interroga altre fedi, conoscitivo perchè amplia all'infinito l'orizzonte del possibile, etico perchè educa la spinta della brama (cupiditas) al non attaccamento.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Ultimi prodotti visti