€ 65.28€ 68.00
    Risparmi: € 2.72 (4%)
Attualmente non disponibile, ma ordinabile (previsti 15/20 giorni lavorativi)
Effettua l'ordine e cominceremo subito la ricerca di questo prodotto. L'importo ti sarà addebitato solo al momento della spedizione.
Quantità:

Ne hai uno usato?
Vendilo!
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Il Commento medio di Averroè alla metafisica di Aristotele nella tradizione ebraica vol.2

Il Commento medio di Averroè alla metafisica di Aristotele nella tradizione ebraica vol.2

di Mauro Zonta


Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

Abū l-Walīd Muhammad Ibn Rušd (Averroè, 1126-1198) è stato uno dei massimi e più celebri filosofi arabo-islamici del Medioevo. Tra il 1159 e il 1194 circa, scrisse in arabo una serie di commenti a quasi tutte le opere di Aristotele, in tre diverse forme: epitome (una sorta di compendio di alcune parti del testo aristotelico, spesso arricchito di riferimenti alle opinioni sue e di altri autori antichi e medievali al riguardo), commento medio (una parafrasi dell’opera di Aristotele, non priva di osservazioni personali), e commento grande (una dettagliata interpretazione delle singole parole e idee espresse dal filosofo nel testo studiato, che viene lì riportato alla lettera, nelle traduzioni arabe medievali). Tra queste opere, che ebbero grande fortuna nel Medioevo non solo arabo-islamico, ma anche latino ed ebraico, il Commento medio alla Metafisica di Aristotele, scritto nel 1174 e successivamente riveduto dall’autore stesso, è andato perduto nel testo originale arabo, e non risulta essere mai stato tradotto in latino o in una lingua moderna. Tuttavia, ne esistono ben due diverse traduzioni ebraiche, fondate entrambe sul testo arabo e realizzate l’una a Roma nel 1284 da Zerahyah Hen, l’altra nel 1317, probabilmente ad Arles in Provenza, da Qalonymos ben Qalonymos; tutt’e due queste traduzioni erano finora pressoché inedite.

Questa opera non è in lingua italiana, presenta un’edizione critica del testo completo della traduzione arabo-ebraica di Zerahyah, messa a fronte con un’edizione provvisoria della traduzione di Qalonymos in ebraico.

Tutti i libri di Mauro Zonta