€ 10.20€ 12.00
    Risparmi: € 1.80 (15%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Il caso dei libri scomparsi. Le storie del Bibliobus di Tundrum

Il caso dei libri scomparsi. Le storie del Bibliobus di Tundrum

di Ian Sansom


Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
  • Editore: TEA
  • Collana: Narrativa TEA
  • Edizione: 5
  • Traduttore: Carcano C.
  • Data di Pubblicazione: luglio 2009
  • EAN: 9788850216352
  • ISBN: 8850216351
  • Pagine: 311
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

Appena arrivato da Londra nella piccola cittadina di Tundrum, Irlanda del Nord, per ricoprire il suo primo posto come bibliotecario, il giovane Israel Armstrong scopre che in effetti il suo posto non c'è, né la biblioteca, né i libri... E questo non è che l'inizio dei suoi guai. Nel giro di poche ore infatti perde vestiti, soldi, carte di credito, e forse anche fidanzata, s'imbatte in una serie di personaggi con i quali immancabilmente entra in conflitto, viene alloggiato niente meno che nella stia dei polli di una fattoria e si ritrova incastrato al volante di un vecchio furgone arrugginito che funge da biblioteca semovente, ma senza scaffali. Peccato però che i libri continuino a mancare: 15.000 volumi, per lìesattezza, scomparsi. Chi mai li avrà rubati? E perché? Ma soprattutto, ci sarà in quell'angolo di mondo dimenticato da Dio un posto decente dove poter bere un cappuccino decente e leggersi il giornale? Israel vuole delle risposte.

Tutti i libri di Ian Sansom

Voto medio del prodotto:  2.5 (2.8 di 5 su 18 recensioni)

3Il caso dei libri scomparsi, 02-09-2013
di - leggi tutte le sue recensioni
Libro che riesce a intrattenere senza troppe pretese, mi aspettavo qualcosina di più dall'intreccio narrativo. Il protagonista non è dei più simpatici ma mi ci sono affezionata, e in qualche passo strappa anche qualche sorriso. La traduzione italiana lascia un po' perplessi e le note si rivelano inutili, solo pagine sprecate. Il giudizio complessivo raggiunge comunque la sufficienza, tant'è che mi ha spinto comunque ad iniziare il libro successivo della saga, sperando in qualche storia più avvincente.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Tragicomico, 21-08-2013, ritenuta utile da 47 utenti su 90
di - leggi tutte le sue recensioni
Israel Armstrong sembra un perdente nato. In realtà, si rivelerà fatto e finito per abitare in una comunità rurale, dove la gente parla un linguaggio arretrato forse di un secolo, ha idee altrettanto antiquate e legge molto. E Israel è il bibliotecario ed ha lasciato Londra per questa sua discesa agli inferi, la conquista interiore del suo nuovo posto di lavoro...
Un libro che lascia stupiti per la ricchezza di battute, invenzioni linguistiche, situazioni tragicomiche, incidenti sgradevoli e un finale quasi tagliato, in attesa delle puntate successive. Puntate che sono almeno tre, per lo spasso di chi le vorrà leggere.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3Carino ma non eccelle, 13-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
In tutta onestà mi aspettavo di più. Il libro si fa leggere senza troppi intoppi, ma sia la trama che i colpi di scena sono, a mio parere, un po' deboli e inconsistenti. Anche il giallo che sottostà al romanzo sembra più che altro un elemento di contorno. In ogni caso la scrittura è fluida e il libro si presta ad essere una buona lettura da spiaggia senza troppe pretese.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2Il caso dei libri scomparsi, 04-08-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Vorrebbe essere una commedia all'inglese sulla falsariga degli hornby, Foster eccettera, ma non ci riesce. Tanti dialoghi inutili, che se fossero messi in un un film quest'ultimo non avrebbe preso piu' di 510 su IMDB. Si, buffe le caratterizzazioni, ma tra gli scrittori di lingua inglese si sorride decisamente di piu' con Moore, o Hornby, o Stewart, o chi diavolo volete. Tra gli "antidoti alla malinconia" segnalo più volentieri un Cabernet Sauvignon. Rimane il fatto che la copertina è decisamente ammiccante.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3Il caso dei libri scomparsi., 17-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Non sarà uno dei capolavori massimi del genere giallo ma io l'ho trovato divertente, vuoi per la storia che in effetti è assurda, vuoi per l'umorismo dei personaggi. Mi faceva impazzire Mr Devine! Mi sento però di criticare come altri lettori la traduzione che a tratti vacilla, il finale che non è all'altezza del resto e soprattutto l'apparato di note, che alternano informazioni utili (che credo lo siano state anche per i lettori inglesi) ad altre veramente inutili: informarci che CSI è un telefilm poliziesco, per esempio. Nonostante abbia trascorso piacevoli mezz'ore in compagnia di questo romanzo, mi sono costruita l'immagine di un non simpatico autore che si loda e si imbroda e che guarda con una certa aria snob la cosidetta "narrativa per le masse".
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Il caso dei libri scomparsi. Le storie del Bibliobus di Tundrum (18)


Ultimi prodotti visti