€ 11.40€ 12.00
    Risparmi: € 0.60 (5%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Disponibilità immediata
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
Architettura e democrazia. Paesaggio, città, diritti civili

Architettura e democrazia. Paesaggio, città, diritti civili

di Salvatore Settis

  • Editore: Einaudi
  • Collana: Vele
  • Data di Pubblicazione: aprile 2017
  • EAN: 9788806232207
  • ISBN: 8806232207
  • Pagine: IX-164
  • Formato: brossura
Carta docenteAcquistabile la Carta del docente

Descrizione del libro

Dove corre il confine fra «paesaggio» e «città»? E come giudicare o indirizzare gli interventi sull'uno e sull'altra, o la continua crescita delle periferie? Devono prevalere i valori estetici (un paesaggio da guardare) o quelli etici (un paesaggio da vivere)? L'architetto è il mero esecutore dei voleri del committente, anche quando vadano contro l'interesse della collettività, o deve mostrarsi attento al bene comune? Sfidare i confini difficili fra città e paesaggio, decostruire i feticci di un neomodernismo conformista (il grattacielo e la megalopoli) e le sue conseguenze (i nuovi ghetti urbani) vuol dire tentare il recupero della dimensione sociale e comunitaria dell'architettura. In un paesaggio inteso come teatro della democrazia, l'impegno etico dell'architetto può contribuire al pieno esercizio dei diritti civili. Diritto alla città, diritto alla natura, diritto alla cultura meritano questa scommessa sul nostro futuro.


Acquistali insieme

Gli utenti che comprano Architettura e democrazia. Paesaggio, città, diritti civili acquistano anche Manuale di storiografia occidentale. Dal marxismo alla microstoria italiana di Carlos A. Aguirre Rojas € 12.35
Architettura e democrazia. Paesaggio, città, diritti civili
aggiungi
Manuale di storiografia occidentale. Dal marxismo alla microstoria italiana
aggiungi
€ 23.75

Voto medio del prodotto:  5 (5 di 5 su 1 recensione)

5Contro il conformismo e l'avidità, 29-03-2018
di - leggi tutte le sue recensioni
Difendiamo la diversità di genere, la diversità di religione, la diversità enogastronomica... Ma non difendiamo la diversità delle città e dei paesaggi. Urbanisti, sociologi, architetti, assessori dovrebbero essere prima di tutto cittadini e sentire la responsabilità di disegnare e costruire il futuro destinato non a loro, ma ai pronipoti dei pronipoti. Da leggere insieme a "Se Venezia muore".
Ritieni utile questa recensione? SI NO