€ 17.10€ 18.00
    Risparmi: € 0.90 (5%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Disponibilità immediata
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
Antiche strade. Storie, luoghi, tradizioni e personaggi del Trentino che rischiano di scomparire per sempre

Antiche strade. Storie, luoghi, tradizioni e personaggi del Trentino che rischiano di scomparire per sempre

di Flavio Panizza, Maurizio Panizza


  • Editore: Osiride
  • Data di Pubblicazione: novembre 2011
  • EAN: 9788874981458
  • ISBN: 8874981457
  • Pagine: 244
  • Formato: brossura
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano Antiche strade. Storie, luoghi, tradizioni e personaggi del Trentino che rischiano di scomparire per sempre acquistano anche Diario familiare. Dalle memorie di Luigi Sartori, storie di famiglia, di comunità, di amicizia e di guerra di Maurizio Panizza € 17.10
Antiche strade. Storie, luoghi, tradizioni e personaggi del Trentino che rischiano di scomparire per sempre
aggiungi
Diario familiare. Dalle memorie di Luigi Sartori, storie di famiglia, di comunità, di amicizia e di guerra
aggiungi
€ 34.20

Voto medio del prodotto:  5 (5 di 5 su 1 recensione)

5La memoria: un grande patrimonio da conservare, 18-09-2012, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Antiche strade è stato definito un "libro di confine". Confine geografico, perché racconta vicende di una terra quella trentina a cavallo fra Italia e Impero Austro Ungarico; confine temporale, perché abbraccia più epoche - dalla Belle Epoque al disastro della Grande Guerra, dal Fascismo sino alla Repubblica; confine generazionale, in quanto si sviluppa attorno ad un dialogo fra padre e figlio nel raccontare le numerose storie di vita dei protagonisti contenuti nell'opera.
È un progetto editoriale che nasce da un'idea di Flavio Panizza (deceduto a 90 anni nel maggio 2012) quale "urgente necessità - come affermava lui stesso - affinché qualcosa di buono e di importante rimanga a testimonianza di un passato che rischia altrimenti di essere dimenticato". In un certo senso, un'opera di supplenza ad insegnamenti e ad esempi di vita che un tempo normalmente passavano di padre in figlio, ma che ora, "consumati" dalla frenesia del quotidiano, dal virtuale e dall'illusorio, rischiano di rimanere appunto "passato" e nulla più. Un progetto che accanto agli amarcord del padre si è affiancata la penna del figlio Maurizio, giornalista e scrittore, non nuovo a imprese del genere. Insieme hanno iniziato a ripercorrere le antiche strade della vita dei loro, dei nostri progenitori, partendo dalla fine dell'Ottocento ed arrivando sino alla fine della Seconda Guerra Mondiale.
Così, lungo trentuno racconti, passano davanti agli occhi del lettore (meglio sarebbe dire ai "sensi" del lettore, visto che molte suggestioni emanano profumi di campo, rumori di vecchi mestieri, sapori di pietanze perdute) storie e personaggi, luoghi, tradizioni e riti religiosi, povertà e riscatto della società contadina di Volano in Vallagarina, paese natale degli Autori, che può tranquillamente diventare paradigma per una storia più estesa che abbraccia l'intero Trentino e pure la generalità dell'Arco Alpino.
Flavio che racconta al figlio alcuni momenti della propria vicenda autobiografica e ne descrive il contesto, ci conduce fin da subito dentro la quotidianità del Novecento. Vi è la politica, con la descrizione di quella che fu l'essenza fascista. Vi è il vivere quotidiano, con l'esistenza delle regole scritte e non scritte. Vi è il ruolo rilevante esercitato dalla religione e dalla Chiesa. Vi sono figure ormai perdute nella memoria, come la "zendrarola", il maniscalco, il vetturino, l'uomo del "bosegher", l'oppositore al fascismo, il fuggiasco dai campi di concentramento... Vi sono pure le arti e i mestieri di un tempo, il lavoro e l'emigrazione con i mutamenti sociali e culturali ad essi collegati.
"Apparentemente di argomento semplice, questo in realtà è un libro molto ricco e complesso - afferma nella prefazione Giuseppe Ferrandi, direttore del Museo Storico del Trentino - e Maurizio Panizza, accanto ai ricordi del padre, ovviamente ci mette del suo. Contestualizza i fatti, aggiunge dati, inserisce elementi per la comprensione che permettono di valorizzare la memoria, la testimonianza, il racconto di vita. Un libro prezioso, insomma, che ci invita a non disperdere quel grandioso patrimonio di valori e di esperienze che ha segnato il Novecento".
Ritieni utile questa recensione? SI NO