€ 14.00
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Gli amori gialli-Les amours jaunes. Nella traduzione di Gian Piero Bona

Gli amori gialli-Les amours jaunes. Nella traduzione di Gian Piero Bona

di Tristan Corbière


Fuori catalogo - Non ordinabile
  • Editore: Libri Scheiwiller
  • Traduttore: Bona G. P.
  • Data di Pubblicazione: aprile 2008
  • EAN: 9788876445637
  • ISBN: 8876445633
  • Pagine: 495
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

«Per un poeta come Bona, formatosi nell'alveo del post-ermetismo, l'incontro con "Les Amours jaunes" rappresenta il terzo atto di un attraversamento della temperie simbolista che ha avuto le sue tappe negli estremi deliri elettrici di Rimbaud e quindi nel grande cantiere delle "Fleurs du mal". Prestando la propria lingua al randagio Corbière, Bona ne esalta e ne anticipa quel certo sentore crepuscolare, confermando quanto la variegata eredità delle scritture del simbolo sia ancora presente, nel lessico come nel rinvenimento degli inventari privati, in autori più prossimi all'orecchio italiano. Del guardaroba stilistico corbieriano sono qui restituite le differenti sfumature, i cambi repentini di registro (di costume, verrebbe da dire) sulla scena che di pagina in pagina, come di verso in verso, "Les Amours jaunes" allestiscono. Quella di Corbière è una poesia truccata di dandismo; ma anche il suo proiettarsi nell'icona moderna del dandy risulta il più abile dei trucchi scenici. Un trucco permanente, indelebile. Il poeta è e resta di fondo un attore, la cui concitazione verbale lascia intendere, sempre e comunque, la presenza dello spettatore. "Authors are actors, books are theatres", osserva Wallace Stevens; e questi versi trasfondono sulla pagina i teatri corbieriani, divenendo per i posteri lo straordinario rendiconto di una breve quanto intensa tournée». (Dalla Postfazione di Roberto Deidier)