€ 14.25€ 15.00
    Risparmi: € 0.75 (5%)
Disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
23 anni dopo

23 anni dopo

di Neni Efthimiadi

  • Editore: ETPbooks
  • Collana: Novecento
  • Traduttore: De Rosa M.
  • Data di Pubblicazione: 2019
  • EAN: 9786185329150
  • ISBN: 6185329158
  • Pagine: 256
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Trama del libro

Dopo molti anni, un gruppo di amici uniti dalla complicità in una rapina dopo la quale non si sono più incontrati, si ritrova in una casa in riva al mare, d'estate. A convocarli di nuovo è il Capo di allora con la proposta di organizzare una nuova rapina. La vicenda, raccontata in prima persona, e dunque in soggettiva, da ciascun protagonista, con lo scorrere delle pagine assume dimensioni abnormi, che rasentano il delirio. Perché nessuno è davvero quello che sembra e neppure la famosa rapina, mito fondatore della vita di ciascun "avventuriero", è davvero andata come tutti ritengono che sia andata. Fino all'enigmatico, sconcertante finale, che giunge al termine di un morboso labirinto di pensieri, ipotesi, congetture, segreti e menzogne. Neni Efthimiadi, una delle autrici più originali della letteratura greca contemporanea, scomparsa nel 2008, affida ai moduli del romanzo poliziesco e della spy-story le sue riflessioni sulla fine delle ideologie, sull'opportunismo della società odierna, sul cinismo che impronta di sé i rapporti umani in questo scorcio di forte transizione tra due secoli e due millenni. Contribuiscono alla creazione di un'atmosfera ricca di dubbi lo stile iperanalitico, sarcastico, a tratti grottesco, che rispecchia le tautologie e le contraddizioni della postmodernità mantenendo inalterato l'interesse del lettore dalla prima all'ultima pagina. Nel libro della Efthimiadi i personaggi non esternano mai le loro reali intenzioni. Essi tuttavia cercano in ogni modo di autodeterminarsi nel rapporto con gli altri. Il loro ego frammentato e spezzettato non può fare a meno di sottoporsi a un'analisi spietata, che tuttavia, anziché alla conoscenza, conduce a un abisso di introversione incapace di giungere davvero alla definizione di una identità certa, di un centro di gravità intorno al quale organizzare la propria esperienza individuale.