€ 18.00
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
L' ultima del diavolo

L' ultima del diavolo

di Pietrangelo Buttafuoco

2.5

Fuori catalogo - Non ordinabile
"Bahirà", un monaco siriano proclamato santo sugli altari della cristianità, fu il primo tra i sapienti uomini di religione a riconoscere in Maometto ancora bambino il sigillo della profezia. Il venerando sacerdote identificò, nel fanciullo arrivato con la carovana dei coreisciti, i segni annunciati dai sacri papiri sui quali esercitava la sua dottrina e devozione. Da un remoto passato ai oggi, "Caravanserai" racconta la gara tra il cardinal Taddeo e lo starec Pavel. Il primo intende far cancellare dal calendario cristiano un santo che per primo riconobbe la sacralità di Maometto bambino; il sacerdote ortodosso, al contrario, vuole rilanciare il culto dell'antico monaco per avvicinare ortodossi e musulmani spegnendo così gli odi e la rabbia della guerra religiosa in Russia...

Altri utenti hanno acquistato anche:


Voto medio del prodotto:  2.5 (2.5 di 5 su 2 recensioni)

4.0Romanzo censurato, 31-08-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Con il suo stile alto e originale, Buttafuoco ci racconta un'altra storia che è un incontro-scontro tra culture. A metà tra Oriente ed Occidente, Buttafuoco narra la vicenda di un vero patto col diavolo che pur di far rovesciare la statua di un santo - riconosciuto come il filgio di Maometto - è disposto a pagare milioni di dollari americani se l'uomo incaricato porterà a termine la missione. Pieno di suspence questo romanzo "eretico" che ha suscitato non poche polemiche da parte vaticana e che è valsa la querela dell'autore nei confronti dell'"Osservatore romano" che definì Buttafuoco un nazi-islamico.
Da leggere!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
1.0 romanzo? no, elenco telefonico!, 12-02-2008, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Consiglierei al singor libraio (perché senza offesa per i librai, non lo si può certo definire altrimenti) a leggere qualche scritto un po' meno primitivo di quelli con i quali prepara le trame dei suoi canovacci e a riflettere sulla differenza che c'è fra un romanzo e un elenco telefonico!
Ritieni utile questa recensione? SI NO