€ 8.00
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
La polvere del Messico

La polvere del Messico

di Pino Cacucci

3.5

Fuori catalogo - Non ordinabile
  • Editore: Feltrinelli
  • Collana: Universale economica
  • Edizione: 14
  • Data di Pubblicazione: febbraio 2009
  • EAN: 9788807817960
  • ISBN: 8807817969
  • Pagine: 280
  • Formato: brossura
È il romanzo di un viaggio attraverso un paese narrato dalla gente, da innumerevoli personaggi: bevitori incontrati in vivacissime bettole, autisti di squinternate corriere lanciate per migliaia di chilometri tra selve e deserti, meccanici-filosofi e gommisti-antropologi, vecchi indios dalla saggezza velata di ironia, giovani teppisti delle bande metropolitane o allevatori di galli da combattimento che si rivelano custodi di antiche tradizioni. Un caleidoscopio di comparse sullo sfondo di un Messico coinvolgente, sempre pronto a infiammarsi senza preavviso, capace di stupire il viandante a ogni angolo di strada. Questa edizione del testo è ampliata da nuovi racconti.

Note su Pino Cacucci

Pino Cacucci è nato ad Alessandria nel 1955. Dopo aver trascorso l’adolescenza a Chiavari, nel 1975 si trasferisce a Bologna dove inizia a frequentare il corso di laurea in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo (DAMS) presso l’ateneo Bolognese. Durante gli anni Ottanta ha trascorso lunghi periodi all’estero, soggiornando prevalentemente a Parigi e a Barcellona. Successivamente si reca spesso in America Latina, soprattutto in Messico, dove ha abitato a lungo. Il suo primo romanzo è del 1988 e si intitola “Outland Rock”. Nel 1990 pubblica “Puerto Escondido”, dal quale il regista Gabriele Salvatores ha tratto l’omonimo film. Questi primi due romanzi sono il preludio di un’intensa attività come scrittore. Escono altre numerose opere, nelle quali Pino Cacucci mette spesso in risalto personaggi storici secondari, gli sconfitti che scompaiono dalle pagine dei libri di storia. Alla narrativa e alla saggistica affianca anche l’attività di traduttore dallo spagnolo e ha lavorato ad alcune sceneggiature di film e di serie TV.
 

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Pino Cacucci:


Voto medio del prodotto:  3.5 (3.7 di 5 su 3 recensioni)

4.0un libro per il messico, 31-08-2010, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
La polvere del messico è sicuramente un libro difficile da digerire, ma una volta inghiottito, masticato e digerito il sapore in bocca rimane per lungo tempo. Pino Cacucci ha scritto un libro per "gli addetti ai lavori", per chi sa cosa significa viaggiare e soprattutto per chi è già stato in messico e riscontra nei paragrafi del manoscritto qualcosa che ha precedentemente assaporato. Un libro che consiglio vivamente a chi pensa di andare in messico o chi, prima di prendere un aereo per il Distrito Federal, non sa come far passare le nove ore di aereo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0UN BEL LIBRO , 19-07-2010, ritenuta utile da 4 utenti su 5
di - leggi tutte le sue recensioni
Per chi conosce e ama il Messico questo è un libro imperdibile. Magari è un po' lento, ma il Messico è lento (se volete la velocità andate a visitare el Norte). Magari è un po' complesso, ma il Messico è complesso. Magari è un po' difficile, ma il Messico è difficile.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Mi aspettavo di più, 20-11-2008, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Ho comprato questo libro perchè l'idea del Messico raccontata dalla voce di chi lo vive ogni giorno, di chi lo conosce, in una sorta di diario di viaggio narrato ogni volta da un personaggio diverso, mi attirava molto ma... non riesco ad essere d'accordo con i molti commenti entusiastici che ho letto.

Magari la discordanza dipende "solo" dal fatto che io non sono stata in Messico ma devo dire che, almeno fino a metà, il libro mi ha annoiata... poi migliora, diventa più scorrevole ed più interessante, sono quindi contenta di averlo finito ma resto dell'idea che un libro debba coinvolgerti anche (e forse sopratutto) se non conosci il posto che descrive, che deve trasmetterti i colori, i profumi, i sentimenti e le emozioni che tu non hai avuto modo di sperimentare di persona... altrimenti a che servono i libri, se non a sognare?
Ritieni utile questa recensione? SI NO